La luce del mondo – William Holman Hunt

La luce del mondo   William Holman Hunt

Light of the World [1856] Nel 1850, l’opposizione ai sostenitori della vecchia arte accademica era ancora in corso in Europa, che considerava questo percorso provato l’unico possibile, e coloro che non solo sognavano la nuova arte, ma non avevano paura di crearla in un modo nuovo. Tra tali “sognatori” c’erano giovani artisti simbolisti che si definivano “Fratellanza dei preraffaelliti”. Nonostante le critiche che gli “accademici” li hanno attaccati, incomprensioni e accuse, i preraffaelliti hanno continuato a esporre dipinti pieni di simbolismo profondo, indirizzati principalmente all’anima umana.

Ecco cosa ha scritto lo storico dell’arte Richard Muter su di loro: “I preraffaelliti sono stati i primi in Europa a ribellarsi alle tradizioni, a penetrare nella natura della forma e del colore, a mostrare le loro opinioni personali sulla natura. Sono i primi sostenitori della libertà nell’arte moderna”. Nel 1856, alla mostra di arte britannica negli Stati Uniti, l’artista preraffaellita William Holman Hunt presentò il suo dipinto “La luce del mondo”. L’immagine non soddisfaceva gli standard generalmente accettati, i suoi colori erano troppo luminosi, la trama non era canonica – tuttavia, fece immediatamente impressione e divenne uno dei più amati dal pubblico. È vero, poche persone hanno osato ammetterlo allora…

La trama del dipinto è abbastanza semplice. Nel profondo della notte, quando tutti dormono, Gesù cammina per il mondo con una lampada in mano e bussa alla porta delle case. La luce intensa della lampada enfatizza l’oscurità e l’oscurità della notte circostante. ” Sto alla porta e busso.

Se qualcuno ascolta la mia voce e apre la porta, si avvicina a lui e festeggerà con lui, ed è con me “- Hunt scrive appositamente queste parole dell’Apocalisse di Giovanni Teologo sulla cornice in modo che tutti possano” sentire “il significato del suo lavoro.

Più tardi, l’artista dovette fare una copia ingrandita della foto per la Cattedrale di San Pietro a Londra, e anche in seguito l’immagine di Cristo con una lampada in mano, stampata su cartoline e poster, apparve ovunque… La caccia mise un valore speciale nella lampada nelle mani di Gesù. L’artista ha cercato la forma e le dimensioni giuste per molto tempo, ha realizzato diversi layout, sperimentato all’aperto con illuminazione diversa e alla fine ha trovato ciò di cui aveva bisogno. Se guardi da vicino, i fori della lampada sono diversi e ognuno di essi rappresenta simbolicamente una delle religioni del mondo. Le aperture sono diverse, ma sono unite da un’unica Luce.

Proprio come molte religioni e preghiere, pronunciate in lingue diverse, uniscono un senso di Fede, una connessione – con il Cielo.

Non è un caso che sia con questa Luce che Gesù viene alle persone. In una lettera al suo amico William Bell Scott, Hunt scrisse: “Mi è stato spinto a creare questa immagine da una volontà divina”. Probabilmente non dovresti chiederti perché migliaia di persone di età diverse, opinioni diverse sulla vita, si sono innamorate di questo lavoro.

Alcuni lo percepivano semplicemente come una tela ben scritta e ben scritta con la posizione corretta di luce e ombra. Ma per la maggior parte, è diventato il suo faro nella notte, un simbolo di speranza che quando arrivano i tempi bui, ci sono sempre quelli che continuano a portare la luce della fede e non si stancano di bussare alle porte delle persone che dormono.