La fonte di Necrofil, che ha segnato dal piano sul codice – Salvador Dali

La fonte di Necrofil, che ha segnato dal piano sul codice   Salvador Dali

Deserto e colline all’orizzonte. Morbida luce del tramonto. Al centro della tela c’è un pianoforte a coda trafitto da un sottile cipresso. La tastiera è aperta, sui tasti c’è un taccuino. I migliori cipressi dorati al sole.

Al piano puoi vedere una scultura antica seminascosta da un albero. Sul terreno puoi vedere una piccola pozza di depressione sotto forma di un coperchio di pianoforte. Da sotto i tasti dello strumento, come da un tubo di scarico, vi si riversa dell’acqua.

Il cipresso appare su molti dipinti di Dalì.

Per l’artista, i cipressi simboleggiavano il conto alla rovescia del tempo: durante l’infanzia, gli piaceva guardare dalla finestra come i raggi del sole si muovono lungo di loro e come le ombre proiettate da loro cambiano. Anche il pianoforte a cielo aperto rivelato ripetutamente allo spettatore è un ricordo che viene dall’infanzia. Dali menzionava nei suoi appunti che i vicini, con i quali i suoi genitori erano amichevoli, organizzavano talvolta concerti per strada. Perché questo strumento musicale è stato portato fuori di casa nel cortile.

Il nome dell’immagine, ovviamente, è stato coniato per scioccare lo spettatore e catturare la sua attenzione.

Qual è la “necrofilicità” della fonte? Approfondimento nel terreno – un’allegoria della tomba, sepoltura. Il flusso d’acqua, che si precipita amorevolmente in questa nicchia, diventa così necrofilo.

Gli oggetti raccolti nella foto – una scultura, un cipresso, un pianoforte a coda – sono i simboli di tutto ciò che è partito nel passato, nel passare, nel defunto.