La famiglia Breddil – Joshua Reynolds

La famiglia Breddil   Joshua Reynolds

Dai ritratti ufficiali del pennello di Reynolds, aristocratici inglesi e funzionari di alto livello guardano lo spettatore. Sono scritti da un maestro in pose sicure e maestose. La dignità esotica di questi ritratti non può essere annullata nemmeno dai dettagli e dai costumi esotici che Reynolds usava di volta in volta.

Quindi, “Ritratto del capitano John Foote in abito indiano”, 1765 non sembra affatto “umoristico”. E il turbante e l’abito orientale riccamente ricamato, sorprendono sorprendentemente questo stupido, conoscendo il suo valore. E se ricordi che John Foote ha prestato servizio nella West India Company, questo vestito smette di sembrare “stravagante”.

Molto espressivi furono i ritratti femminili di Reynolds. In ciascuno dei suoi modelli è riuscito a catturare caratteristiche individuali, “non comuni”, che ha enfatizzato con diligenza, mettendo le donne ritratte non in abiti alla moda, ma in semplici abiti bianchi, “non oscurando” la loro immagine. Il maestro meno riuscito, forse, i ritratti di famiglia.

Pertanto, la composizione del dipinto “La famiglia Breddil” sembra molto innaturale e tesa.