La bella Isotta – William Morris

La bella Isotta   William Morris

La palla “Beautiful Isolde” è stata scritta in un anno. Questo è l’unico dipinto di William Morris che ha dimensioni così modeste.

Per la principessa Isotta, Jane Bearden ha posato, anticipando in modo soprannaturale il suo ruolo futuro di bellezza fatale in modo soprannaturale. Lo sfondo era prevalentemente scritto nella stanza di Morris in Red Lion Square, dove, secondo Philip Webb, il letto era stato lasciato incustodito per mesi. Il film, basato sull’episodio della leggenda di Tristami e Isotta nella rivisitazione di Malory, raffigura il personaggio principale, affilato nella stanza e piangendo l’assenza della sua amata, che è stata rimossa dalla corte di Re Marco.

Mentre i colori brillanti, i motivi e l’affollamento ci fanno ricordare gli acquerelli di Rossetti, in “The Beautiful Isolde” c’è di più nello spazio libero. Anche se Morris non era un artista così abile come Rossetti e Milles, era molto attento alla trama degli oggetti e al ruolo che interpretavano.

Le pieghe ordinate del tessuto damascato sull’altare vengono accuratamente scaricate e messe in moto nella stessa maniera diligente trasmessa dalle pieghe irregolari dei fogli. Questi, a loro volta, contrastano con il pesante tessuto del tappeto turco, ricamato con una coperta persiana e un arazzo ricamato blu sullo sfondo, che ricorda gli esperimenti di Morris con i motivi per tende.

Oltre alla Mariana abbandonata, Isotta si trova tristemente al tavolo, su cui giacciono oggetti pieni di significato simbolico. La cintura, che lei allaccia in vita, significa castità forzata; anche il cane di Tristam, che giace raggomitolato sul letto tra le calde lenzuola spiegazzate. Sullo specchio, in cui Isotta appare, è scritto “DOLORS”; nella corona della regina – rametti di rosmarino, un simbolo di memoria e un convolvolo, un simbolo di forti legami e affetto.