L’immagine miracolosa della madre di Dio di Vladimir – Fedor Suns

Limmagine miracolosa della madre di Dio di Vladimir   Fedor Suns

L’icona della Vladimir Madre di Dio, glorificata dai miracoli, secondo un’antica leggenda, è raffigurata durante la vita della Madonna con lo scrittore degli atti apostolici, l’evangelista Luca, in onore del quale fu fondato nel XIV secolo. in Italia, una scuola di pittura, o confraternita, che rappresentava prevalentemente il volto della Santissima Vergine e ci ha regalato diverse sue icone. Da Costantinopoli, questo santuario sacro fu portato a Kiev insieme a Pirogogoshchy, e da lì nel 1154 a Vladimir su Klyazma, il Granduca Andrei Bogolyubsky, che, secondo la leggenda del mandato temporaneo russo, era 30 grivna d’oro più dell’argento e prezioso una donna, e lo mise nella sua chiesa di Volodimeri “.

Dal rimanere nella capitale dei grandi principi dell’icona chiamata Vladimir. Il trasferimento a Mosca con il Granduca Vasily Dmitrievich il 26 agosto 1395, fu segnato dalla salvezza della città protettrice dall’invasione di Tamerlano. Il mongolo Khan, spaventato da una visione meravigliosa, improvvisamente prese il volo proprio quel giorno, mentre i residenti di Mosca incontravano questo prezioso santuario con esclamazioni nel campo di Kuchkovoi: “Madre di Dio!

Salva la terra russa!”.

Con l’istituzione del santo annuncio di Vladimir il Grande Regno a Mosca, i poteri dello stato di Mosca furono già portati al trono non a Vladimir, ma nella Cattedrale della Dormizione di Mosca alle porte d’oro. Come evento memorabile e meraviglioso, così come la liberazione di Mosca per intercessione di Nostra Signora dall’invasione di Akhmetov nel 1480, la chiesa nazionale celebra con processioni il 26 agosto e il 23 giugno. Il rinnovamento della sua icona da parte del metropolita russo Simone nel 1514 è celebrato dalla chiesa il 21 maggio.

Dal XVI secolo. l’icona di Vladimir Mother of God era venerata a Mosca come la principale, a volte chiamata Odigitria; dopo la sua installazione nella Cattedrale dell’Assunzione, la prima chiesa fu chiamata la Casa del Santissimo Theotokos.

Durante i 19 mesi di permanenza nel Cremlino di Mosca dei Polacchi, che non risparmiò il santuario, fu miracolosamente conservato dall’Arcivescovo di Galasun, in Arseny, e, dopo aver ripulito la città dai suoi nemici, fu consegnato alle truppe russe che non volevano vederlo. Quindi, i destini di Mosca sono collegati all’immagine miracolosa della Madre di Dio, che era il pegno della salvezza e del benessere della Russia, testimone dei voti di re, santi e popolo! Per convincere Boris Godunov ad accettare i re del regno, questo santuario di Zemstvo gli fu portato nel convento di Novodevichy dal Patriarca Giobbe; davanti alla sua caduta prostrata, Boris esclamò con le lacrime: “Oh, Madre di Dio! qual è la colpa della tua azione eroica? Salvami, salvami sotto il riparo del tuo tetto!”

Prima di lei, il santo lo ha benedetto sullo stato di Mosca e di tutta la Russia. Durante l’elezione dei santi, nel suo culto su un velo, i lotti sigillati Panagia furono estratti e, dopo il moleben, furono portati fuori per essere stampati dal re, che annunciò al Consiglio consacrato e alla gente il nome degli eletti. Dopo il rovesciamento dei Godunov, quando la klevrety di Otrepev nella Cattedrale dell’Assunzione, gettarono coraggiosamente la veste sacerdotale dal Patriarca Giobbe, quindi il Gerarca, rimuovendo la sua panagia, pose l’immagine di Vladimir Madre di Dio su se stesso, dove gli fu affidata la dedica.

Nikon, il Patriarca, mise il suo testimone arcipastorale sul suo kyota quando abdicò volontariamente il suo trono. Questo monumento di epoca apostolica risiede nella prima chiesa di Mosca, già nel V secolo, e solo quando Napoleone invase nel 1812 fu portato via Vladimir, come se per

Il significato artistico dell’icona non è meno importante, così come quello storico, secondo l’artista evangelista stesso, al quale attribuiva la sua antica leggenda, nonché lo stile e l’arte degli ornamenti, costituiti da oggetti di scultura, cesellato e inseguito. Lo scrittore del “Power Book”, il metropolita russo Atanasio, che insegnò a San.. l’icona nel 1566, ci dice la sua descrizione con le seguenti parole: “L’apostolo Luka ha una visione delicata di quella e altre somiglianze disegnate nell’immagine dell’età della misura media: il volto santo e grazioso dei suoi piccoli dintorni, il naso continuo giace sulla gomma vicino al sacerdozio il suo bambino; ​​le dita delle sue mani che ricevono Dio sono multate con delicatezza. “

Poiché il dolichny, o panneggio, sull’immagine è chiuso da uno stipendio, e la lettera facciale è mica, senza toccare il design e il colore, presentiamo qui per il confronto con il suo aspetto attuale una descrizione antica, notevole nel contenuto e nel linguaggio tecnico dei gioielli, realizzata nel 1627. con decreto del Patriarca Filaret Nikitich: “L’immagine della Vergine Pura di Vladimir, lettera dell’evangelista Luka, nella custodia dell’icona, la custodia dell’icona è rivestita con 3 persiane d’argento, e sul cancello l’immagine dell’Annunciazione del Santissimo Theotokos, ma gli Evangelici sono d’argento e sottili, e nella cassa dell’icona è argento-argento nella mela sì, in Prechistia Theotokos, un altro kiot argentato è rivestito di argento, lo stipendio del basman, due sciami e due rotture d’argento sono espressi, nella parte superiore del kioto ci sono sei città d’oro, e in esse sono trentacinque azzurre verdi, due smeraldi e sei lals, e intorno a Lal ci sono perle in un filo due pietre sono verdi cattive

L’immagine del murale Prechistaya Madre di Dio e corona e corindone e lungo i campi delle dodici festività d’oro, e tra le festività i campi sono ricoperti d’oro con lo smalto, e intorno alle corone e l’immagine della Madre Pura di Dio e le festività sono grandi perle in un filo, e nella vecchia pittura lo stipendio e le corone e ripeti l’argento scritto. Nella corona sopra la testa c’è un grande azzurro azzurro, sì, sei azzurro azzurro, tre rifiniti con perle in un filo, lal grande e lal sono piccoli rifiniti con perle e un filo, tre smeraldi rifiniti con perle in un filo, tutti in nidi d’oro; sì, ci sono tre grandi agnelli dorati e tre grandi lidi di mezzo mezzo in essi: il lal medio è decorato con perle in un filo, e due piccoli lala, nove azzurro azzurrato in nidi dorati e sullo stesso ья ryehah quarantaquattro grani di Gurmic grandi e medi sul retro delle fronde oro,

Il fondo della Prechistia Madre di Dio è abbassato con grandi perle, e in esso vi sono ventisette verdure azzurre, quattro lale e trentatre grani di Gurmician, appesi a fili. Sulla tracolla destra c’è un grande nido azzurro in un nido d’oro, sopra una bardana d’oro, un azur yuroren in una rapa, circa diciannove grani di Gurmician nella parte inferiore e quattro lale e quattro semi di Gurmician sul retro, sotto il nodulo d’oro firma, e in esso uno smeraldo sì, trentatré Gurmitskih a grani sulle spalle. Ci sono otto granelli di Gurmitsk sul retro dei bartacks.

C’è una burla d’oro sulla tracolla sinistra, e in essa c’è un azzurro azzurro, e quattro lala sono vicino allo yakhon in fondo, osm. Sotto la rapa c’è un nido d’oro e al suo interno c’è uno smeraldo e quattro grani sul dorso. “

Tra i mozziconi e le prove all’immagine, probabilmente la maggior parte dei voti, nell’inventario vi sono: 1) la collana dello zar Mikhail Fedorovich, imbastita con grandi perle con 5 yacht, 11 smeraldi e 11 lala in nidi d’oro; 2) tsats d’oro 6, panagy 4, croci 16, con perle e pietre preziose, inoltre, tonniere e orecchini, 152 Ugric d’oro e quelli di Mosca, 4 Ugrian doppi d’oro, Novgorod oro e argento dorato. Tutto questo era una decorazione ricca e diversificata di San.. icone, ma quando Pietro I decretò il 24 aprile 1722, ordinò di rimuovere i pendenti dalle icone e di consegnarli a St. Il sinodo per l’analisi, “ciò che è vecchio e curioso di loro”, ha perso la maggior parte dei suoi progetti. La veste d’oro sulla Madre di Dio è disposta con decreto del Patriarca Nikon nel 1658, orafo Peter Ivanov; ma l’antico stipendio rimase nei campi.

Tra i due frammenti in un cerchio, le parole greche sono raffigurate con scansione, il che indica che questo è greco. L’immagine esatta di questa immagine nel Golden Salary, realizzata dal metropolita Simone russo, è conservata nella cappella di St. Apostoli Pietro e Paolo nella Cattedrale dell’Assunta.

Dalla carta dei patriarchi di Mosca è chiaro che nel tempo inclemente questa icona fu indossata durante la processione della croce, anziché quella vera, come accadde nel 1687.