Kama – Apollinary Vasnetsov

Kama   Apollinary Vasnetsov

In opere come “Kama”, “Taiga”, “Territorio del Nord”, “Lago di montagna in Bashkiria”, “Lago”, Apollinary Vasnetsov sembra essere un maestro con il suo poro creativo perfettamente maturo, un pittore con una personalità chiaramente distinta.

Le tele citate sono nel pieno senso della parola il culmine di A. M. Vasnetsov come pittore di paesaggi; danno un contributo significativo allo sviluppo di tutta la pittura di paesaggio russa. Passando ai paesaggi di Vasnetsov durante l’apogeo del suo talento – “Kama”, “Siberia” e altri – si può vedere che in loro l’artista diventa un vero maestro della pittura di paesaggio, che può competere in profondità e forza di influenza sullo spettatore con i migliori dipinti della storia e genere di ritratto. Se è consentito un confronto tra pittura e musica, allora il “Kama” del 1895 può essere paragonato a una solenne sinfonia dedicata alla natura russa.

Poco sappiamo di paesaggi, pari a “Kame” per epico e forza impatto sullo spettatore. Il paesaggio epico, scritto ai nostri giorni e raffigurante la natura quotidiana che ci circonda, persino gli oggetti vicini a noi, trasmette l’antichità primordiale della terra, evoca nello spettatore un sentimento millenario, così come l’epopea popolare, compresi gli strati tardivi, mantiene le sensazioni del movimento dell’intero processo della vita. , di tutti i cambiamenti della terra. Il paesaggio epico, in generale, è un’immagine della vita della natura nel tempo, una storia patetica sulla vita secolare della terra.

Una simile rappresentazione della natura non era un fenomeno inaspettato e nuovo nella storia del paesaggio russo. È stato preparato dall’intero corso dello sviluppo dell’arte realistica ideologica – dal paesaggio nazionale in generale, in cui si potevano indovinare le caratteristiche più caratteristiche, al ritratto individuale, raffigurante aree specifiche, e da esso all’approfondimento e alla generalizzazione completi dell’immagine della natura nativa nelle opere dei Viandanti – tale è schema generale del percorso di sviluppo e formazione del paesaggio epico, che mostra la natura non solo nella sua forma attuale, ma anche nel suo movimento incessante.