Jacques Lipschitz e sua moglie Berta – Amedeo Modigliani

Jacques Lipschitz e sua moglie Berta   Amedeo Modigliani

L’ebreo lituano Jacques Lipshitz si trasferì a Parigi nel 1909. Lì divenne uno dei principali scultori d’avanguardia. In particolare, è stato il primo a diffondere il cubismo alla scultura, inventata da Picasso e Braque.

Questo ritratto di Lipschitz ordinò a Modigliani per il suo matrimonio del 1916.

A questo punto, Lipschitz era già saldamente in piedi e non perse l’occasione di aiutare un amico mendicante. Negoziando una tariffa oraria, sperava di posare per l’artista il più a lungo possibile, ma i suoi calcoli non si materializzarono. Lo scultore ha ricordato che Modigliani “ha fatto molti schizzi preliminari, uno dopo l’altro, lavorando con grande velocità e incredibile precisione.

Alla fine trovò la postura di cui aveva bisogno, ispirata alla nostra foto del matrimonio. “Il giorno dopo, Modigliani stava già scrivendo un ritratto”, alzando gli occhi solo per prendere un sorso dalla bottiglia accanto a lui.

Di tanto in tanto alzava la testa ed esaminava criticamente noi e il suo ritratto. Alla fine della giornata, ha detto: “Fine”. “Lipshitz ha suggerito che l’artista continui a lavorare il giorno successivo, ma ha risposto:” Se vuoi che io vada a rovinare il ritratto, allora continuiamo “e ha rifiutato risolutamente un’altra sessione.