Introduzione al nuovo teatro ebraico – Marc Chagall

Introduzione al nuovo teatro ebraico   Marc Chagall

Era il pannello centrale del Teatro della Camera ebraica organizzato, convertito da un maniero. Era alto 3 mV e lungo 8 mV ed era situato lungo la parete longitudinale della sala.

Questa è una grande commedia del arte ebraica. Chagall si posiziona come Mosè, accanto alle tavole della Legge. Usando una sorta di “codice”, crea una narrazione a più livelli, che appare come una parodia e un carnevale grottesco, in cui il geometrismo “suprematista” si combina con l’iconografia ebraica. Tra le immagini presentate c’è un violinista con una testa rimbalzata e un cappello da clown; 2 pagliacci camminano sulle loro mani e uno di loro è un ebreo devoto con tefilim, che simboleggia il rovesciamento del solito stile di vita ebraico. Allo stesso tempo, il pannello rifletteva le vere caratteristiche di un autentico stile “Chagall”, ad esempio una mucca verde che cade da un’altezza, caratteristica di molti dei suoi dipinti, cade a sinistra.

In yiddish, le corna di una mucca significavano, tra le altre cose, suonare uno strumento musicale.

Oltre al pannello centrale, Chagall scrisse altre 4 tele verticali dedicate alla sintesi delle arti, che si trovavano nelle pareti tra le finestre.

I pannelli furono rimossi nel 1923. Nel 1937, nascosto dietro le quinte. Nel 1950 trasferito alla Galleria Tretyakov di stato. Nel 1973 furono schierati di fronte a Chagall, che venne a Mosca per firmarli.

Esposto per la prima volta al pubblico in Svizzera dopo il restauro nel 1991.