Inondazione – Ivan Aivazovsky

Inondazione   Ivan Aivazovsky

Appartenente alla fede della Chiesa apostolica armena, Aivazovsky ha creato un’intera serie di dipinti biblici e trame storiche.

Nel 1862, Aivazovsky scrisse due versioni del dipinto The World Flood, e poi tornò ripetutamente a questa storia biblica durante la sua vita. Una delle migliori varianti dell’immagine del Diluvio mondiale fu scritta nel 1864.

È proprio il mare che di solito gli appare come la base universale della natura e della storia, specialmente nelle trame con la creazione del mondo e del diluvio; tuttavia, le immagini dell’iconografia religiosa, biblica o evangelica, così come la mitologia antica, non possono essere annoverate tra i suoi più grandi successi.

L’individualità creativa e la percezione del mondo del grande pittore marino con le sue radici nazionali lo collegarono alla cultura armena durante la sua vita. Il biblico Monte Ararat – un simbolo dell’Armenia – Aivazovsky ha scritto almeno dieci volte. La discesa di Noè da Ararat fu messa in scena per la prima volta a Parigi, e quando i connazionali locali gli chiesero se avesse opinioni armene, li portarono all’immagine e dissero: “Ecco la nostra Armenia”.

Successivamente, Aivazovsky presentò una tela alla scuola di Novo-Nichivan. Durante la guerra civile, la scuola fu trasformata in una caserma, che occupava alternativamente bianco o rosso. Immagine coperta di breccia nella porta.

Una volta la breccia fu sigillata con una tavola e l’immagine scomparve. Il rapitore era Martiros Saryan, che una volta aveva studiato in questa scuola. Nel 1921, tra le opere d’arte armena che collezionò, portò la “Discesa di Noè” a Yerevan.

Tra i dipinti con una trama storica vi è il quadro del Battesimo del popolo armeno, che un tempo adornava una delle chiese armene feodosiane e suscitava sentimenti patriottici nella congregazione.

La trama per il battesimo del popolo armeno è stata una svolta nella storia della cultura armena. La sua prosperità fu promossa dall’adozione del cristianesimo da parte degli armeni. All’inizio del IV secolo, questa religione fu legalizzata in Armenia come stato.

L’Armenia, quindi, è oggi uno dei più antichi stati cristiani.