Il viaggio di Telemaco – Jacques Louis David

Il viaggio di Telemaco   Jacques Louis David

Dipinto dell’artista francese Jacques Louis David “Il viaggio di Telemaco”. La dimensione del dipinto è 87 x 103 cm, olio su tela. Questa immagine è anche conosciuta con i nomi “Telemaco ed Eucaride” e “Addio Telemaco ed Eucaride”.

Euharida, nell’antica mitologia greca, era una delle ninfe, compagne di Calipso.

Nel romanzo francese Il viaggio di Telemaco, basato sulla storia di Odissea di Omero, l’autore Fenelon descrive come Telemaco, figlio di Ulisse, amasse appassionatamente l’affascinante ninfa Evharid. Tuttavia, Telemaco fu costretto a porre fine alla loro relazione romantica per continuare la ricerca del padre disperso Odissea. Nella foto di David, gli amanti infelici si salutano in una grotta sull’isola di Calypso.

Un giovane con uno sguardo ravvicinato e sognante, Telemaco dai capelli biondi si toglie la mano destra dall’anca di Eucaride, tenendo la lancia nella lancia sinistra, un simbolo di lotta.

La tunica blu Telemaha cade, esponendo il suo giovane torso muscolare. Euharida, mostrata di profilo, appoggiò delicatamente la testa sulla spalla di Telemaco in un abbraccio d’addio. Nel romanzo di Fenelon Il viaggio di Telemaco, un’improvvisazione sui temi dell’epopea di Omero, Telemaco, alla ricerca di suo padre, Odissea subì un naufragio sull’isola di Calipso, e lì si innamorò della ninfa Evarchide, ma dovette lasciarla per continuare la sua ricerca di suo padre.

Pertanto, Jacques-Louis David contrappone la necessità di adempiere al dovere filiale dell’amore e dell’affetto femminile.

Telemaco è figlio di Ulisse e Penelope; quando il padre partì per la guerra di Troia, era ancora un bambino; essendo cresciuto, ricevette consigli dalla dea Atena di recarsi a Nestor a Pilo e a Menelao a Sparta per le notizie di suo padre; In questo viaggio, Telemaco fu accompagnato dalla stessa Atena nella forma di un Mentore. A Sparta, Telemaco apprese da Menelao sulla previsione di Proteo sul ritorno dell’Odissea. Dopo essere tornato a casa, Telemaco incontrò suo padre al malvagio Evmei sotto forma di mendicante; Odyssey si aprì a lui, e Telemaco lo aiutò con l’uccisione dei pretendenti di Penelope, e poi lo accompagnò a Starets Laert. All’indomani delle leggende, Telemaco sposò in seguito Polikaste, la figlia di Nestore, o Navzikai, la figlia di Alkinoi.

Secondo altre leggende, Telemaco sposò Circe, da cui ebbe un figlio Latina.

La storia di Telemaco era il tema del famoso romanzo di Fenelon Il viaggio di Telemaco. Euricleis è la figlia di Opa, la schiava del padre di Ulisse Laerte, insegnante del figlio di Odisseo Telemaco. Quando Odissea tornò sulla sua isola natale dopo un lungo viaggio, e finalmente arrivò nel suo palazzo come un mendicante, Euryklea lo riconobbe per la cicatrice sulla sua gamba e fu un suo alleato attivo nella lotta contro i fidanzati della presunta vedova di Penelope.

Jacques Louis David dipinse “Il viaggio di Telemaco” a Bruxelles, durante il suo esilio dopo la Restaurazione.