Il sole che sorge nella nebbia – William Turner

Il sole che sorge nella nebbia   William Turner

Nella seconda metà della sua vita, Turner era appassionato di esplorare gli effetti del colore e dell’illuminazione. Prima di tutto, era interessato a tramonti e albe, quando questi effetti si manifestano in modo più sorprendente. Sulla tela “L’ultimo volo della nave” Brave “,” il tramonto occupa l’intera parte superiore dell’immagine, dandole un suono elegiaco.

L’elemento più leggero della tela – la luce – ha qui la maggiore densità fisica. A volte Turner usava una spatola, ma in questo lavoro i toni giallo e rosso delle nuvole vengono applicati in una tecnica di impasto usando un pennello. Il cielo blu cobalto all’orizzonte, l’artista per ottenere il massimo contrasto, ha scritto uno strato liquido di pittura ad olio diluito.

La passione di Turner per la luce gialla è diventata leggendaria. È stato uno dei primi artisti che ha iniziato a utilizzare nel tempo vernice gialla non sbiadita.

Un altro colore, che Turner scrisse al tramonto, era lo iodio scarlatto. Questo pigmento, ottenuto nel 1812 dal famoso chimico Humphry Davy, è meno resistente. I toni rosa, ottenuti con il suo aiuto, hanno perso da tempo il loro splendore e la loro densità. Strisce orizzontali di rosso scuro sottili sono scritte più tradizionali vermiglio.

Nel dipinto di Turner “Il sole che sorge nella nebbia”, è il sole che è stato scritto in modo più naturale, senza sforzo, per così dire, attira con forza l’occhio dello spettatore.