Il serpente di bronzo – Fedor Bruni

Il serpente di bronzo   Fedor Bruni

Al centro del quadro “Il serpente di bronzo” c’è il complotto dell’Antico Testamento, uno degli episodi del viaggio di 40 anni del popolo di Israele. Dopo che gli ebrei dubitarono della capacità di Mosè di portarli fuori dal deserto, Dio mandò su di loro pioggia di serpenti velenosi. A causa dei morsi morirono molti figli d’Israele, e poi il Signore ordinò a Mosè di mettere il serpente di ottone sullo stendardo.

Tutti quelli che lo guardavano con fede rimanevano per vivere.

La più grande tela della collezione del Museo russo del XIX secolo e l’opera più famosa di Fyodor Bruni furono create per 15 anni e terminarono a Roma. Per lei, Bruni ha persino interrotto il suo lavoro sul dipinto della Cattedrale di Sant’Isacco. In un messaggio speciale all’imperatore Nicola I, il pittore lo spiegò in questo modo: “In Russia, non c’è né la luce corretta né i tipi corrispondenti che sono così necessari per il completamento della tela”.

Certo, era una specie di trucco: in Italia era possibile trovare aria italiana e tipi italiani, ma non quelli ebraici. Nel 1841, il serpente di rame fu consegnato in barca a Pietroburgo, dove ebbe un successo straordinario, paragonabile solo al trionfo dell’ultimo giorno di Pompei, Karl Brullov, l’eterno rivale forzato di Fyodor Bruni. Come il dipinto di Bryullov, la tela Copper Snake è stata costruita in un modo nuovo,

Qui non c’è nessun protagonista: il primo piano ha inondato la folla, preso dalla paura dell’inevitabile morte e dalla speranza della salvezza. Bruni è vicino alla definizione di Gogol di pittura storica come la scelta di “forti crisi sentite da tutta la massa”. La luce scorrevole crea una sensazione di movimento agitato della folla. La gamma sottilmente contigua di toni blu freddo, verde opaco, grigio-marrone dà unità alle figure ampie.

La storia biblica non ha ricevuto una chiara interpretazione dall’artista.

Nell’immagine della sofferenza della gente, si può vedere allo stesso tempo la condanna della crudeltà del dio biblico e il rifiuto della rivolta popolare. Si può capire che l’artista stesso ha visto una via d’uscita solo nella sottomissione della volontà divina. Il serpente di bronzo fu acquistato dall’imperatore per la collezione Hermitage e nel 1897 fu trasferito al Museo russo.

Nel 2003, ha completato molti anni di restauro dei famosi dipinti. Fu rimosso da sette strati di lacca, a causa dei quali molti personaggi erano appena distinguibili, e la tela stessa acquisì un sapore marrone ruggine. Si è scoperto che i vestiti verdi dei personaggi sono in realtà blu. E sullo sfondo c’era un’immagine precedentemente nascosta della capanna – il tabernacolo, in cui gli antichi ebrei conservavano l’Arca dell’Alleanza.

Da febbraio 2000 a dicembre 2002, i restauratori del Museo russo hanno realizzato un’opera senza precedenti con la brillante tela “Il serpente di rame” di F. Bruni.

L’esistenza di quasi 200 anni dell’opera ha apportato modifiche al suo aspetto originale: la tela è decaduta, la vernice si è scurita, il colore ha perso luminosità e purezza. Il compito del restauro era quello di rafforzare la tela e lo strato di vernice, pulendolo da implementazioni di tempi diversi. I risultati di questo lavoro hanno permesso di avvicinare il più possibile l’immagine al concetto coloristico dell’artista.