Il modello (modello) – Georges Cera

Il modello (modello)   Georges Cera

Lavoro su larga scala, che è diventato un punto di svolta nel lavoro di Sulphur. Fu dopo di lei che iniziò a prestare grande attenzione all’immagine del nudo e degli interni. Georges Cera ha deciso di confutare la speculazione oziosa di alcuni critici che per il divisionismo, che si occupa della decomposizione del colore in punti, l’immagine di persone nude è un ostacolo.

In questo lavoro, come, invero, in quelli successivi, l’artista ha cercato di dimostrare l’universalità del neoimpressionismo.

Prima di iniziare a scrivere un’immagine, Sulphur legge molta letteratura scientifica e conosce il “Saggio sui segni assoluti nell’arte” di Charles Henri. Secondo la teoria delineata in questo lavoro, la direzione della linea influenza la percezione dello spettatore.

La linea che va dal basso verso l’alto e da sinistra a destra ha un effetto piacevole e stimolante. Se viene tenuto dall’alto verso il basso e da destra a sinistra, si forma un’impressione repulsiva e spiacevole. Allo stesso modo, i colori, a seconda della lunghezza d’onda, possono influenzare la psiche umana in diversi modi: rosso, arancione e giallo provocano emozioni positive, mentre blu, viola e verde si sintonizzano su un umore malinconico.

Dopo aver studiato il lavoro scientifico di Henri, Sera desiderava incontrare personalmente il suo autore. All’incontro, gli ha posto molte domande. Di conseguenza, l’immagine “Il modello” divenne un buon esempio della teoria presentata.

Sulphur ha selezionato un angolo del suo studio come sfondo. La modella nuda è raffigurata in tre posizioni: in piedi di fronte allo spettatore, seduto su un cuscino e seduto su uno sgabello. La distanza tra le figure è la stessa.

Sul lato sinistro della tela si può vedere un frammento del dipinto “Sunday Afternoon on Grand Jatte Island”. Lo zolfo decide, come prima, di lasciare il telaio bianco e riempirlo di punti, a seconda dell’illuminazione. Pertanto, l’armonia delle sfumature si attenua non bruscamente, ma gradualmente.

Questa tecnica innovativa sarà ulteriormente raccolta da molti artisti.