House of Hymns – Paul Gauguin

House of Hymns   Paul Gauguin

Paul Gauguin scrisse una magnifica tela “House of Hymns” nel 1892, diventando infine un isolano, avendo lasciato la Francia. L’opera è stata inclusa nella numerosa collezione del secondo periodo tahitiano dell’autore ed è una complessa miscela di stili pittorici. È dedicato ad argomenti rivolti alla vita rituale della Polinesia Francese.

L’autore ha chiamato la sua foto “House of Hymns”, anche se è noto che l’intera popolazione adulta della Polinesia si riunisce ancora per cantare inni nelle chiese. Tuttavia, la chiesa era caratteristica degli angoli più prosperi delle isole, quindi questo villaggio era attaccato ai canti allegri in una casa appositamente designata. Osservando quante persone sono venute a suonare gli inni, mi viene in mente la conclusione sull’importanza della religione e della moralità nella vita dei polinesiani.

Inno, nella comprensione della popolazione della Polinesia – la glorificazione non solo del paese e delle persone, come, ad esempio, nel nostro caso.

Per gli isolani indigeni, l’inno è la glorificazione di Dio, che ha creato la “ghirlanda di isole”, oltre che dell’amore e dei bambini, tutto ciò che ha dato vita e opportunità di vivere. L’evento stesso sembra molto toccante. Le canzoni sono accompagnate da mani che battono le mani, ma il testo stesso è spesso compreso solo dai sacerdoti. Oggi, la musica tradizionale dei polinesiani è cambiata e ha acquisito un sapore europeo.

Ciò è accaduto a causa della mancanza di registrazioni di antichi riti e melodie. Paul Gauguin ha rivelato la cerimonia tradizionale della festa delle canzoni degli isolani nella foto presentata e ha immerso i suoi contemporanei in un tema religioso.

Presta attenzione a ciò che indossano i visitatori della casa. I loro abiti sono monotoni, adattati a diversi colori. I corpi di persone sono completamente coperti.

I tessuti sono abbagliati come una trapunta. Tutti vengono a sedere, alcuni – sono caduti in un sogno. È evidente che le persone non hanno una riverenza timorosa dell’umore religioso, anzi, al contrario. Silenzio, pace stabilita nel lavoro.

L’atmosfera di assenza di gravità scorre attraverso la casa delle pitture ocra. Gauguin usava una tavolozza molto calda. La sua tecnica di scrittura qui acquisì una galleggiabilità, una transizione graduale da un colore all’altro in direzione verticale. Un po ‘come l’acquerello.

La luce soffusa viola il punto culminante della luce gialla alla fine della stanza. L’aura dell’opera nel suo insieme ricorda il sonno serale, il silenzio, la calma.