Guerriero – Salvador Dali

Guerriero   Salvador Dali

Praticamente l’intero spazio della tela è occupato dal più grande piano del volto del guerriero. Testa con elmetto, bocca coperta da dita piegate. Dalle orbite di un guerriero, il suo volto guarda lo spettatore, ridotto e riflesso due volte. Lance che sporgono le sopracciglia.

Una delle sue narici è supportata da un cricchetto.

Il guerriero ha un’espressione insignificante, ricorda un pazzo. Il lato sinistro della tela è un mucchio interessante di piccole parti. Dall’elmetto di un guerriero cresce un germoglio legnoso, che ha la forma di un fallo eretto. La parte superiore delle riprese si perde in una nuvola densa e vorticosa.

Un orologio morbido pende dalla base delle riprese.

Vicino alla testa del guerriero c’è un gruppo di cipressi in costante crescita. Sullo sfondo c’è una sola candela di cipresso. Tutti questi sono alberi e orologi, simboli del passare del tempo.

Il personaggio dell’immagine non si ripercuote su di sé richiederà tempo. Casco o casco, baionette o lance: non importa.

Il guerriero rimane il mietitore della morte, indipendentemente dall’età. Un legionario romano o un vichingo, un crociato, un corazzato, un ussaro, un normale fante o un capo militare, è il suo volto, la sua immagine collettiva. Il tempo scorre come sempre e le persone si distruggono ancora a vicenda. Il momento della morte – il momento soggettivo in cui contano gli orologi “morbidi” di Dalì può arrivare in qualsiasi momento.

Warrior lo porta con sé.