Guerra – Henri Rousseau

Guerra   Henri Rousseau

Alla fine del 1893, Rousseau lasciò il servizio, ricevette una piccola pensione e la libertà, che gli permise di fare ciò che amava, ma lo costrinse a cercare un reddito, che gli permise di sostenere finanziariamente la sua famiglia.

Lezioni di violino, dipinti che dipinge per ordinare – tutto ciò porta una miseria, ma l’artista conosce il suo vero scopo e si muove ostinatamente verso l’obiettivo. Nel 1894, l’opera “War” è stata esposta nel Salon, un’opera che ha causato polemiche sia nella società che nell’ambiente creativo. I professionisti sottolineano i difetti, alcuni critici si risentono, ma per sostenere che Rousseau non ha una perfetta identità e un talento poliedrico, è improbabile che qualcuno si preoccupi.

L’intero centro dell’immagine poggia su un cavallo nero, la guerra si precipita rapidamente con la furia. Le persone in cui la vita brilla ancora, sono terrorizzate. L’atmosfera del disastro trasmessa dall’autore è incredibilmente reale e l’intera trama è piena di un’impressione dolorosa.

Un maestro che è riuscito a trasmettere tali emozioni allo spettatore non merita quasi ridicolo, critica spietata e non può essere onorato per una persona privata del talento artistico.

Il noto scrittore Alfred Jari ha notato la profondità e il significato di questo lavoro, avendo risposto positivamente ad esso. Possiede anche la “paternità” del soprannome di “The Customs Officer”, con il quale Rousseau era conosciuto nell’ambiente artistico di Parigi.