Giuditta II – Gustav Klimt

Giuditta II   Gustav Klimt

Nel 1909, Gustav Klimt decise di dipingere un’altra foto con la bellissima Judith. La prima volta la ritrae nel suo dipinto “Giuditta e la testa di Oloferne”. La prima foto non era delle migliori recensioni, ma l’artista decise di scrivere un’altra tela con la stessa trama.

Questa immagine è tutta scritta nello stesso stile, satura di erotismo.

Nel dipinto “Judith II” Klimt mostra quanto possano essere forti le donne fragili. In quegli anni, quando fu creato questo lavoro, Gustav era l’amante di Adele Bloch-Bauer, furono i suoi lineamenti a essere tracciati nell’eroina di questa foto.

Klimt non si abbandonò molto alle recensioni negative e agli scandali generati dalla sua prima versione di Judith, che offendeva sia i rappresentanti della comunità ebraica sia i cristiani. Questa volta ha deciso di non fare una didascalia per questa foto, sperando che tutti capissero chi è raffigurato su questa tela. L’immagine precedente era incorniciata in una bella cornice con un’incisione del suo nome.

A causa della mancanza di un nome, la gente decise che questa donna non era Judith, ma Salome, che danza per Giovanni Battista. I contemplatori della foto dovevano resistere a lungo e aspettare, e quando mostreranno il loro vero nome. Abbastanza spesso, questo lavoro ha incontrato il nome di Salome, ma quando la gente ha appreso che il dipinto raffigura Judith, una pia fanciulla, un salvatore, ancora una volta rappresentato da Klimt in modo vizioso, il calore e l’aggressività sono andati di nuovo nella società.

Klimt non ha mai discusso dei suoi dipinti, né della sua vita. Apparentemente, si fidava di ognuno a modo suo per interpretare i dettagli delle immagini, così come la loro trama. Resta ancora un mistero ciò che Klimt ha visto in comune tra la vera Judith e le immagini che ha creato per lei.