Girasoli, un giardino in Petit Zenneviye – Gustave Caibot

Girasoli, un giardino in Petit Zenneviye   Gustave Caibot

Gustave Cybott – un magnifico maestro di fiori. Le sue nature morte o paesaggi con fiori sono semplicemente perfetti. Ma l’interesse per questo genere di creatività si risveglia in lui solo nel 1880, quando copia i “Crisantemi rossi” di Monet!

Per artisti come Monet o Renoir, l’immagine dei fiori è attraente per due motivi.

Opere di questo tipo sono attraenti da un punto di vista estetico, a cui gli impressionisti sono particolarmente sensibili. Ma soprattutto, ripagano: a loro piace il pubblico e vendono bene. Dopotutto, come sottolinea Gloria Groom, “questa è davvero un’immagine della natura, ma della natura, appena creata e migliorata grazie alle impressioni sensuali che l’artista sa trasmettere.

Still life, oggetti di mostre e transazioni commerciali richiedono lo stesso linguaggio descrittivo degli oggetti sul modello di cui sono creati. La natura morta con frutta è considerata riuscita se trasmette bene la sua freschezza o maturità… In breve, i valori estetici [per gli artisti] sono associati al guadagno materiale “.

A Kaibotta, un altro fattore è giocato da un altro fattore: l’amore per il lavoro nel giardino che circonda la sua casa a Petit Zenneville. Questa occupazione alla fine della vita lo attrae sempre di più. Trascorrendo molto tempo fuori Parigi, lascia gradualmente l’immagine dei paesaggi urbani e attira l’attenzione sulla natura circostante. Un buon esempio di questa evoluzione è il dipinto “Girasoli, un giardino in Petit Zenneviye”.

Un campo di girasoli oscura – letteralmente e in senso simbolico – la vista della città.

L’artista crea l’effetto della distanza, applicando lo stesso metodo di diverse proporzioni di singoli motivi, che ha già utilizzato nelle sue opere precedenti. Fiori allargati a dimensioni gigantesche fanno sembrare le case molto distanti. La trama della tela è perfetta e i girasoli vengono trasferiti con precisione accademica.

Gli effetti di luce sono coerenti con gli effetti coloristici: il colore verde delle foglie, che cambia da luce a saturo, si compone perfettamente con la stessa vasta gamma di giallo sui petali di girasoli.