Gamayun, un uccello da guerra – Victor Vasnetsov

Gamayun, un uccello da guerra   Victor Vasnetsov

Victor Vasnetsov per tutta la vita si interessò e studiò la mitologia e il folklore dell’antica Russia. Tutte le sue opere sono intrise dello spirito dell’antichità. A prima vista uno qualsiasi dei suoi dipinti con una trama mitologica o fiabesca, non c’è nemmeno dubbio che questo è esattamente ciò che sembravano gli eroi dell’antichità.

Lo stesso si può dire sull’immagine “Gamayun, un uccello di cose”, scritta nel 1897. Gamayun nella mitologia slava è un uccello con il volto e il petto di una donna, un messaggero di tempeste e uragani. Aveva una bella voce e poteva predire il futuro solo a persone speciali che lo ascoltano e lo capiscono anche tra i suoni della natura: sotto la pioggia, nel rumore dell’erba, in una raffica di vento.

La gente credeva che Gamayun fosse un messaggero di Dio, che collegasse due mondi, prevedendo eventi.

Sulla tela raffigura un uccello con il volto ansioso di una donna, si siede su un albero aggraziato e guarda da qualche parte in lontananza. Forti ali nere a contrasto su uno sfondo luminoso e brillante – forte, di plastica, pronto a volare. Sta per sbattere la sua ala e decollare.

Questa immagine è molto affascinante in uno stato d’animo contraddittorio: allo stesso tempo calma, ma allo stesso tempo colori violenti, natura pacifica e Gamayun discordante.

Alcuni critici d’arte credono che le ali siano un simbolo di rinascita. In futuro, il lavoro di Vasnetsov contribuisce allo sviluppo di stili come il simbolismo e il modernismo. Grazie anche a Viktor Vasnetsov, la creatività e la mitologia uniche dei popoli slavi fu rianimata e trasmessa alle generazioni successive.