Fregio Beethoven, Wandgem – Gustav Klimt

Fregio Beethoven, Wandgem   Gustav Klimt

Il fregio di Beethoven è una delle opere più significative del modernista austriaco Gustav Klimt. L’opera è un affresco su tre pareti con una lunghezza di 34 metri. Ha una complessa combinazione di materiali pigmentati – doratura, pittura con smalto di vetro, vernice a caseina – e riempie lo spazio tra l’architrave e il cornicione.

Fregio è composto da più parti: sinistra, centrale e destra.

Prima di lasciare la scena – “Tosca per la felicità”. L’affresco è pieno zeppo di personificazioni di emozioni e azioni umane. Quindi, il cavaliere è in oro e con la pelle dorata – apparentemente buono, che combatte sempre con le forze dell’Oscurità e del Male, una fanciulla con una corona di alloro – la sua Vittoria o Gloria e una donna triste, triste e magra – Compassione.

Perché l’autore ha deciso di combinare queste emozioni e la Vittoria? Perché non rivolgersi direttamente al visualizzatore? Quella, dicono, è la felicità, ed ecco la sua perdita e, di conseguenza, nostalgia della felicità…

Klimt ha deciso di andare nel modo più duro, dando l’opportunità di usare la sua immaginazione filistea per collegare le sue emozioni e speculare a modo suo e perdita di calma e desiderio di mondo, e allo stesso tempo per la felicità scomparsa. La debole umanità nelle vesti della compassione brilla ancora con la speranza della felicità, che il cavaliere d’oro porterà a una lotta difficile e gli allori gli copriranno la testa.

L’immaginazione di Gustav disegna non meno strane immagini, invadenti, forzate, avari. Nonostante la complessità della lettera e la tecnologia della pittura su vetro, l’idea sembra essere semplice e vantaggiosa per tutti. Cosa potrebbe esserci di più semplice che giocare sui sentimenti e sui nervi umani.

Probabilmente, il maestro non ha pensato al fatto che il contemplatore pensi o meno al suo enigma.

La cosa principale è che l’affresco è spettacolare e straordinariamente impagabile con decorazioni in oro e smalti brillanti. È così complesso, in effetti, semplice come una stampa artistica. Ecco il cavaliere, ecco i suoi compagni, uno più bello dell’altro. Bello, costoso, spettacolare. Per capire l’arte di Klimt, basta leggere le sue battute su di te: “… Chi vuole sapere qualcosa su di me… dovrebbe considerare attentamente i miei quadri…”.

Quindi c’è solo una conclusione: Klimt è un genio, comprensibile per molti e tutti allo stesso tempo.