Fortune Giving Love – Guido Reni

Fortune Giving Love   Guido Reni

Dipinto del pittore bolognese Guido Reni “La fortuna, che dà amore”. La dimensione del dipinto è 188 x 155 cm, olio su tela. L’opera mitologica di Guido Reni raffigura la dea romana Fortuna.

Il culto di questa dea è uno dei più antichi culti di origine italiana presi in prestito da Roma. Il significato più antico e originale di una dea è difficile da determinare.

A giudicare dalla natura della vacanza Fortis Fortunae e dai suoi tempi, si può pensare che il significato originale della dea fosse agricolo: la deificazione del caso, un insieme imprevisto di circostanze che svolgono un ruolo così importante nella vita del contadino. La fortuna era la dea protettrice delle donne; questo è indicato dall’usanza delle spose di donare i loro abiti da nubile al dono di questa fortuna.

C’era anche il culto della fortuna, che le donne delle classi inferiori pregavano il 1 ° aprile nei bagni degli uomini; la sua celebrazione coincise con la festa in onore di Venere. Pertanto, la fortuna, insieme alle qualità della dea protettrice della purezza e della castità, era la dea che patrocinava l’amore e la lussuria, qualità opposte alla natura femminile della castità. Grazie alla capacità di questa divinità di differenziarsi, insieme alla predominanza di interessi puramente materiali nella società, la fortuna è diventata la dea più popolare del Pantheon romano ed è venerata da migliaia di nomi e soprannomi.

Le parole di Plinio il Vecchio sono tipiche in questo senso: “in tutto il mondo, ovunque a tutte le ore del giorno, le voci di tutti chiamano e chiamano una fortuna, ne accusano una, la perseguono, la pensano da sole, la lodano da sola, la condannano da sola. La fortuna è mutevole, molti la considerano cieca, errante, impermanente, infedele, in continua evoluzione, patrona degli indegni. È accusata di debito e credito e in tutti i libri mortali tutta la fortuna prende l’una e l’altra pagina. ” Migliaia di altari e cappelle nell’impero romano erano dedicati alla fortuna; la sua immagine era in ogni santuario domestico, quindi appariva sulle monete e sugli oggetti dell’industria e dei beni di consumo.

L’immagine della fortuna, insieme a Mercurio – lo stesso dio del guadagno materiale e della buona fortuna – prevale su pietre scolpite, francobolli e tacchi a spillo degli scopi più diversi, su orologi, salvadanai, vasi di uso quotidiano, ecc. La fortuna è di solito raffigurata come una donna, appoggiandosi con una mano sul volante e l’altra con la cornucopia o la campana. A volte è rappresentato in piedi su una palla o appoggiando il suo attributo principale su di essa: il volante.