Fonte – Picasso Pablo

Fonte   Picasso Pablo

Un’altra opera caratteristica del periodo del classicismo, quando, insieme a dipinti e ritratti più tradizionali di Olga Khokhlova, dal pennello di Pablo Picasso arriva un’intera galassia di donne pompose, per non dire troppo gonfiate.

Oggi si può discutere della bellezza estetica delle grandi ninfe di Picasso, tuttavia l’artista ha dato ad alcune delle sue opere anche un significato allegorico poetico.

L’immagine “Fonte” incarna il pensiero filosofico di una donna come fonte di vita sulla terra. La donna creatrice tiene in mano un grande vaso da cui l’acqua si riversa sulla terra, sottolineando ulteriormente lo scopo semantico della tela.

L’eroina si distese liberamente sulle pietre, dietro di lei una calma vista sul mare. Come al solito, Picasso ha scoperto il suo petto con la sua eroina – questo è un frequente ricevimento del maestro. La figura della donna è in qualche modo sproporzionata: un viso calmo e sottile contrasta nettamente con le braccia grandi e le gambe ancora più grandi, massicce e “gonfie”.

L’impulso per la scrittura dell’opera è stato un evento gioioso nella famiglia dell’artista stesso – la moglie russa Olga Khokhlova ha dato alla luce il figlio di Picasso, Paulo. È da ora in poi che un nuovo tema appare nel lavoro dell’artista: una madre e un bambino, una donna che dà vita.

Oggi l’immagine può essere vista nel Museo di Arte Contemporanea di Stoccolma.