Figlia di Boyar – Vasily Surikov

Figlia di Boyar   Vasily Surikov

L’opera di schizzo del grande maestro è nella sua essenza un’opera completa. Lo spettatore viene presentato con un ritratto di una giovane ragazza di una nobile famiglia. Un cappello ricco, una pelliccia ricamata in oro, un fazzoletto – testimoniano lo status di boyar, la ricchezza e l’influenza della famiglia dell’eroina. Occhi biancospino pieni di paura, dolore e simpatia.

Arrossire sulle guance dà l’eccitazione dell’eroina.

Considerando il lavoro dell’autore, separatamente e senza alcuna connessione con la famosa tela, possiamo notare il brillante stile di scrittura. La capacità di trasmettere la trama di tessuti, pellicce. L’outfit in sé sembra autentico, l’autore senza dubbio ha studiato a fondo l’epoca, le sue caratteristiche.

Nell’immagine stessa dell’eroina, si indovina una rigida educazione familiare, la modestia e persino una certa “oppressione”. L’aspetto della ragazza è completamente privo di arroganza e orgoglio del ragazzo. Ai suoi occhi puoi leggere disperazione, rassegnazione al destino.

Per natura, il boyaris è tranquillo, incapace di protesta, timido.

Le mani, incrociate sul petto, parlano dell’eroina non meno dei suoi occhi. Apparentemente, la ragazza conosce bene le faccende domestiche: ricami, merletti, filatura. Lo spettatore involontariamente imbevuto di simpatia e affetto per l’eroina.