Festa degli dei – Tiziano Vecellio

Festa degli dei   Tiziano Vecellio

La festa degli dei è un dipinto ad olio del maestro rinascimentale italiano Giovanni Bellini. Tuttavia, Dosso Dossi e Tiziano sono noti per aggiunte significative ai dettagli del paesaggio. Questo è uno dei pochi dipinti sul tema mitologico di questo artista veneziano.

Completato nel 1514, è il suo ultimo lavoro importante.

Oggi l’opera è nella National Gallery of Art di Washington, DC. Lì è considerata “uno dei più grandi dipinti del Rinascimento negli Stati Uniti”. L’immagine è la prima grande rappresentazione della scena “La festa degli dei” nell’arte rinascimentale.

L’immagine mostra il caso di un tentativo di stupro di Loti. Era una ninfa che scrisse Ovidio, la figlia di Nettuno. Durante la festa in onore di Lieber, alla quale era presente, Priapa cercò di violentarla mentre dormiva, ma fu improvvisamente svegliata da un asino e scappò, lasciando Priapa in confusione.

Nella foto ci sono molti personaggi del pantheon greco e del bestiario mitologico.

Intorno al 1598, il dipinto fu confiscato e consegnato a Roma dal cardinale Ippolito Aldobrandini come legato pontificio.

La festa degli dei fu esposta nel 1856 al British Institute di Londra. Inoltre è venuto a Washington, ha visitato Venezia nel 1990, Londra e Madrid nel 2003 e anche a Vienna nel 2006,

L’immagine è stata accuratamente studiata nel 1985, durante la pulizia è stata effettuata un’analisi approfondita del pigmento e il resto del lavoro sull’immagine. Tutti e tre gli artisti, Bellini, Dosso e Tiziano hanno usato i pigmenti disponibili durante quel periodo di tempo, tra cui: ultramarina naturale, giallo piombo-stagno, malachite, yar – coppersmill e cinabro. La festa degli dei è uno dei pochi esempi dell’uso di orpimento e realgar nella pittura ad olio del Rinascimento italiano.