Ferito a morte – Vasily Vereshchagin

Ferito a morte   Vasily Vereshchagin

Quest’opera Vereshchagin è stata scritta nel 1873. Raffigura un soldato ferito che sta cercando di fuggire dai proiettili e dalla guerra. Il fumo della polvere, come mi sembrava, sta cercando di chiudere la luce del sole, che da solo dà speranza che la guerra finirà mai.

Secondo me, l’artista è riuscito a trasmettere con precisione tutta la puntura che ha a che fare con la guerra, in cui ogni uomo per se stesso. Un soldato ferito sta cercando di salvarsi correndo attraverso corpi morti, e un soldato che sta in piedi con la schiena non è pronto ad aiutare, perché deve salvare la sua vita in primo luogo. È un peccato che una guerra spietata richieda molte vite. Dopotutto, queste persone hanno probabilmente delle famiglie rimaste a casa, e forse anche dei bambini, che non vedono l’ora di andare oltre la fine delle battaglie.

Ma almeno alcune notizie che il loro padre o marito è vivo.

Mi sembra l’idea principale di scrivere questo capolavoro, non era il desiderio di chiamarci compassione per il soldato ferito, ma in generale apprezzare la vita umana. Guardando questa immagine dobbiamo sentire che non c’è niente di più importante della vita sulla terra. E nessun dono o intrattenimento può sostituire il valore reale.

Abiti squallidi, corpo magro ci mostra che in guerra le persone spesso hanno fame. Ma la cosa peggiore è che questi sfortunati hanno combattuto e ucciso, le stesse persone che hanno anche famiglie a casa. Mi sembra che non ci sia nulla di peggio della guerra sulla terra quando vengono uccise persone innocenti, molto spesso a causa degli errori degli altri, delle persone che gestiscono questa guerra.

Penso che l’autore mostri una guerra insensata in cui molte persone muoiono senza motivo. Quando guardi questa foto, inizi involontariamente a preoccuparti di un soldato ferito, e volenti o nolenti vuoi che rimanga in vita in modo che possa superare tutta l’angoscia e la sofferenza e dimostrare alle persone che la cosa più importante e preziosa è la loro vita.