Eremita e Angelica addormentata – Peter Rubens

Eremita e Angelica addormentata   Peter Rubens

Forse l’immagine è scritta sulla trama del poema medievale “Furious Roland”, in cui Roland si innamorò della bella Angelica fino alla follia e distrugge tutto sul suo cammino, inseguendola. Ma Angelica non ricambia Roland e scappa da lui verso il mare, dove la vide un vecchio eremita.

L’anziano si accese alla vista della ragazza. Chiede aiuto a un demone e per molti giorni cerca di impossessarsi della bella donna. Esausto dalla lotta, Angelica si addormenta, ma l’eremita non può fare nulla a causa della senilità. Ma la trama della poesia e i dipinti sono in qualche modo in contrasto tra loro.

Prima di tutto, la postura di una ragazza che dorme serenamente e distesa non parla della sua stanchezza dopo diversi giorni di lotta.

La vista dello spettatore prima di tutto cade sulla pancia di Angelica, poi sul suo petto, sulla sua testa. Solo dopo questo il vecchio inizia ad apparire, e nell’angolo in alto a destra, molto probabilmente, il demone che seduceva l’eremita. Un grosso cuscino sotto la testa di Angelica sembra un po ‘strano; piuttosto, assomiglia a una specie di mostro.

Un animale fa capolino anche da sotto la coperta rossa.

E né la sabbia costiera, né la grotta, né il mare. Perché Rubens ha dato un nome simile all’immagine? O forse l’artista ha rappresentato la sua paura qui, che anche lui avrà qualcosa che è successo all’eremita – il desiderio è lì, ma non c’è possibilità?

E il diavoletto nell’angolo – come promemoria della malvagità dei desideri senili?