Elohim crea Adam – William Blake

Elohim crea Adam   William Blake

Questa è una delle “grandi incisioni di giardini floreali” di Blake, una serie che ha creato intorno al 1795. Alcuni ricercatori preferiscono chiamarli “incisioni dipinte” – al fine di separarle dalle normali incisioni.

Tale divisione è legittima, perché ciascuna delle “grandi incisioni a colori” Blake è dipinta a mano e, quindi, unica, e le solite incisioni a colori possono essere pubblicate in numeri arbitrariamente grandi. Mentre lavorava alle sue incisioni, l’artista dipinse prima la composizione su un solido foglio di cartone, quindi stampò il disegno su un foglio di carta, premendolo sul cartone con le mani o usando una macchina da stampa. Con un cartone, non si potevano fare più di tre stampe e la stampa “Elohim crea Adam” è generalmente nota solo in una copia.

La tecnica di stampa del cartone ha probabilmente attratto Blake da alcuni “tratti materici”, dal momento che è strano immaginare che abbia deciso di riprodurre il suo lavoro in modo così inefficiente – in quest’ultimo caso sarebbe molto più appropriato lavorare nella tecnica dell’incisione tradizionale. La stampa “Elohim crea Adamo” è talvolta chiamata “Il Signore crea Adamo”, ma Blake ha insistito sull’uso di uno dei nomi ebraici di Dio qui – “Elohim”, perché è nel Libro della Genesi.

La trama dell’incisione è molto simile alla creazione Michelangelo di Adamo, che adorna l’arco della Cappella Sistina. Ma di buon umore, questi due lavori sono completamente diversi. Se il Dio di Michelangelo presenta la vita ad Adamo come il dono più prezioso, allora l’Elohim di Blake trascina il primo uomo fuori dall’infinito dell’esistenza spirituale e lo condanna alla stagnazione nel mondo materiale.