Due sorelle – Konstantin Makovsky

Due sorelle   Konstantin Makovsky

L’eccezionale maestro realista del genere quotidiano, Vladimir Makovsky, era spesso scene di azione argute a cui partecipavano “piccole” persone, cioè gente comune. Estremamente nitido alla vista, l’artista ha potuto notare e ritrarre, a prima vista, per nulla evidenti, rivelare i personaggi, rivelare il conflitto.

Il nome della foto e una sua occhiata in sé danno già allo spettatore una forte sensazione di contraddizione: due parenti, due sorelle, tra le quali esiste un enorme abisso di disuguaglianza sociale e finanziaria.

Una donna vestita magnificamente e riccamente, guarda in basso una ragazza semplice e modesta, e dal programma della foto apprendiamo che sono sorelle. Al tavolo attorno al quale c’è un casino, un vecchio è seduto, come puoi immaginare il padre delle due sorelle e guardare indifferentemente fuori dalla finestra. Vasi d’inchiostro vuoti, una bottiglia sul tavolo, dipinti, le rovine nella stanza – tutto testimonia l’impoverimento della casa un tempo bella e ricca.

E la sorella, i cui abiti parlano di prosperità? Dal suo sguardo imperioso, così come dalla figura inquieta della vecchia cameriera, capiamo immediatamente che è venuta chiaramente per non offrire il suo aiuto. I suoi occhi spinosi richiedono, e la sua disgustosamente aliena espressione indica chiaramente che queste povere persone non sono legate a lei da molto tempo.

Questa satira acuta, dura e persino crudele dell’artista illustra così chiaramente la distruzione dei legami familiari, il più forte, la sostituzione dei valori veri con quelli falsi. Dettagliando ogni immagine, arredamento e oggetti domestici, l’autore attira l’attenzione sui parenti, ma sugli estranei, evidenziandoli sulla tela con colori più chiari e svela una storia istruttiva e incredibilmente triste di fronte a noi.