Dopo la pioggia – Apollinary Vasnetsov

Dopo la pioggia   Apollinary Vasnetsov

Romantico, un uomo il cui carattere, come lui stesso ha ammesso, era dominato da “immaginazione, fantasia e sogno ad occhi aperti”, Apollinary Vasnetsov si sentiva delicatamente ed era in grado di trasmettere la poesia della bellezza, trovandoli nella natura. Nei suoi paesaggi, l’artista ha cercato di trasmettere al popolo russo l’idea della grandezza e della forza della nostra terra.

A metà degli anni ottanta del XIX secolo, le note epiche cominciarono a sembrare più chiare nelle sue opere. Per la prima volta sono apparsi nei dipinti “Patria” e “Dopo la pioggia”, molto simili per motivi, contenuto, dimensioni e stile pittorico. Queste opere sono piene di profondi contenuti ideologici e filosofici.

Nel film “After the Rain” è raffigurato un angolo comune e insignificante della natura russa. Il vento spinge le nuvole attraverso le quali i raggi del sole si fanno strada, illuminando le dolci colline, il campanile imbiancante di una chiesa rurale e diverse case contadine. Silenzioso e deserto tutto intorno, e solo la figura solitaria di una donna si dirige verso il villaggio lungo una strada sfocata.

I colori grigio-verdi dell’immagine enfatizzano la monotonia dell’area. Ma insieme a un senso di ordinarietà, c’è un’elevazione speciale nel paesaggio. Davanti a noi c’è un’immagine generalizzata della patria dell’artista – una Russia grande e longanime.