Donne che raccolgono oche – Max Lieberman

Donne che raccolgono oche   Max Lieberman

Il primissimo lavoro su larga scala dell’artista tedesco con radici ebraiche, Max Lieberman. La tela provocò una reazione ambigua: l’insegnante Lieberman disse al suo studente che non aveva più nulla da insegnargli, il pubblico tremava disgustato, osservava un’opera così scrupolosamente scritta, i critici lodavano la tecnica e il pubblico premiava il cliché: Lieberman è un artista che dipinge una mostruosità. Nonostante tutta l’indignazione dei suoi contemporanei, molto presto la tela fu venduta per un importo molto decente.

Cosa attira lo spettatore in questa foto, cosa meraviglia gli ammiratori di Max Lieberman trovano nella sua arte di questo periodo? Impressionante è il realismo della trama: il maestro illustra il normale lavoro di spennare le oche con tutto il realismo, senza romanticizzare questo processo, senza chinarsi alla pietà o al sentimentalismo, trovando in queste semplici trame la sua estetica e dignità.

Sulla tela, vediamo le persone nel crepuscolo della stanza di lavoro, che abitualmente trascorrono del tempo nel loro lavoro: i loro movimenti sono lenti, portati all’automatismo, i loro volti sono calmi e persino noiosi. L’opera è eseguita in colori scuri, la tecnica della performance è molto chiaramente leggibile, peculiare della pittura storica, del naturalismo.

Questo lavoro è stato scritto nel primo periodo del lavoro dell’artista – prima che il suo viaggio in Francia fosse ancora molto lontano. Ma già in questo lavoro di un maestro, destinato a diventare il più importante rappresentante dell’impressionismo di origine non francese, si stanno leggendo ribellione e innovazione: voleva scrivere onestamente e liberamente.