Diana a caccia – Marco Caroli

Diana a caccia   Marco Caroli

Gli antichi romani si impegnarono francamente a prendere in prestito, soprattutto in relazione ai Greci conquistati, da cui percepivano l’alfabeto, la barba da barba, il conio delle monete, il pantheon degli dei. Quasi tutti gli dei olimpici dell’Hellas hanno ricevuto altri nomi.

Si credeva che i nuovi dei fossero progettati per rafforzare il potere dell’Impero romano. La dea della caccia, Artemide, divenne nota come Diana. E il nome non è meno conosciuto nella storia della cultura artistica mondiale rispetto alla versione originale.

Nel dipinto di Marco Caroli il Vecchio, lo spazio principale è dato al paesaggio serale, che è pieno di pace e tranquillità.

Il terreno è chiaramente roccioso, montuoso, ma gli alberi densamente cresciuti lo rendono attraente per la caccia e per la ricreazione, per passeggiate solitarie. Mentre si fa buio e il sole tramonta, il terreno gradualmente si tuffa gradualmente nel crepuscolo e non è possibile vedere subito alcuni dettagli del paesaggio. Tuttavia, l’attento esperto di pittura, avendo guardato con attenzione, senza sforzo, scoprirà nell’angolo in basso a destra non quel cervo, non quella capriola.

Bene, quindi, per cacciare Diana e i suoi compagni c’è qualcuno!

Le mani della dea mania indicano un animale che cerca di nascondersi presto e dà istruzioni al ragazzo e ai cani di fare una scia. In lontananza, sullo sfondo del tramonto, puoi vedere le colonne del tempio. Può darsi che sia intesa l’Acropoli ateniese.