David e Uriah – Rembrandt Harmens Van Rhine

David e Uriah   Rembrandt Harmens Van Rhine

Rembrandt Harmens van Rhine – l’olandese, il più grande artista dell’età d’oro della pittura. Nel suo lavoro c’erano incisioni, schizzi e disegni oltre al famoso dipinto ad olio. Ma il vantaggio principale della sua ricca collezione era la versatilità dei soggetti selezionati e la ricca gradazione della trama.

La maggior parte delle raccolte tematiche sono quelle scritte nelle trame delle parabole bibliche.

Ciò è dovuto alla pietà delle persone che vivono sotto il giogo della persecuzione della chiesa e della fede cieca. Tra le leggende di interesse per molti creatori, c’era una triste parabola sul re israeliano David, la sua fedele guerra, Uriah l’ittita e sua moglie, la guerra di Bathsheba, figlia del guardiano Eliam, che era vicino al re. Al centro della trama e la tragica fine della storia c’era il fatidico triangolo amoroso.

Dove i personaggi principali erano David stesso, Uriah e il giovane Bathsheba.

L’istigatore della relazione amorosa segreta fu David, che trascorse la notte con una donna bellissima. Il risultato di una sola notte fu una gravidanza inaspettata di una donna e, di conseguenza, pettegolezzi e un percorso diretto per la partecipazione a voci e malcontenti umani. Per analogia con storie simili, il potente David ha deciso sulla meschinità e in tutti i modi ha tentato di sterminare il suo rivale, il legittimo consorte di Bathsheba.

Dopo che Uriah si rifiutò di entrare nella sua casa, il che confuse il piano del patrono, David si avventurò con l’unico mezzo sicuro: uccidere un avversario in battaglia. Uriah fu colpita. La guerra di morte slegò le mani di David e sposò Bathsheba, che causò l’ira di Dio e la dannazione.

Problemi dopo sventura sorpassarono la casa e la famiglia di David, e si pentì dell’azione. In seguito il perdono si diffuse alle sue mogli, alla sua casa e ai suoi figli.

Nonostante il lieto fine della storia, gli autori delle tele hanno prestato particolare attenzione ai momenti più cupi. Uno di questi era la conversazione di David e Uriah, quando il guerriero andò a morte certa. “David and Uriah” – La tela di Rembrandt con la narrazione della fine della conversazione e la partenza dell’Uriah triste e arrabbiata dalle camere di David. Insieme alla trama cupa, l’immagine stessa non è piena di colori iridescenti.

L’autore ha trasmesso l’umore della perdita e la comprensione del tradimento dell’amato soldato con colori piuttosto scuri, kraplak e fuliggine di carbone. Ancora una volta, identificando il suo talento come un maestro di luci e ombre, Rembrandt ha “strappato” il volto cupo di Uriah dall’oscurità della stanza. La cura è accompagnata dal dolore negli occhi di un vecchio in background e dagli occhi furbi di David. Queste tre macchie bianche nel crepuscolo dell’interno sono avari di mimetismo ed eloquente allo stesso tempo.

Grazie all’esperienza dell’artista, e all’epoca Harmen van Rijne compì 59 anni, il quadro si rivelò essere adulto e triste, replica esatta delle esperienze emotive dei personaggi stessi e dell’autore anziano.

Sfortunatamente, questo periodo di creatività del pittore fu l’inizio del tramonto. Le sue tele erano troppo scure, troppo tristi. In un lontano passato è andato in dettaglio, che ha dimostrato il giovane “fresco” Rembrandt.

Tuttavia, oggi, un vero intenditore: il nostro contemporaneo non si affida alla moda nei dettagli, apprezza l’antichità, comprende l’autore, percepisce la sua lettera, come dovrebbe, profondamente e riverentemente.