Cristo nel deserto – Ivan Kramskoy

Cristo nel deserto   Ivan Kramskoy

Nella foto del deserto di Kramskoy, l’impressione di un freddo spazio ghiacciato in cui non c’è e non può esserci vita. La potente verticale, come la figura di Cristo pietrificata dai pensieri, resiste all’infinita distesa del deserto. In faccia, specialmente in uno sguardo pieno di intenso pensiero, si legge un certo distacco, un’assenza della realtà del mondo qui. È raffigurato con le spalle all’orizzonte rosa; può solo immaginare l’alba.

È arrivata la mattina della rinascita, ma il sole non è ancora sorto… Proprio come nel mezzo del freddo e delle tenebre della luce del deserto è nato, così all’interno della persona raffigurata c’è la volontà di superare l’oscurità e il caos della vita circostante. Nell’immagine non c’è spazio per toni chiari e gioiosi, poiché non c’è spazio per l’ingenua fede leggera.

La sua fede si guadagna nella lotta angosciosa dello spirito, in opposizione al mondo e a se stesso.

L’estetica dell’immagine è all’interno dei confini dell’epoca. Creato dall’immagine di Kramsky non è divino e non soprannaturale. Avendo un aspetto terreno, Cristo incarna l’idea del mondo invisibile, mostrando allo stesso tempo l’immagine di Dio. Kramskoy è alla ricerca di un’immagine in relazione alla propria immagine concepibile, e non in relazione all’assoluto, e certamente non a un tipo sociale o fisico. Non rivendica l’universalità dell’ideale che aveva trovato in pittura.

In questo caso, la “verità del viso” non dipende dal canone estetico, ma dall’autenticità della fede dell’artista. E alle domande del pubblico: “Questo non è Cristo, perché sai che era così?” Mi sono permesso di rispondere audacemente, ma non hai riconosciuto il vero Cristo vivente “, ha scritto Kramskoy.

All’inizio del 1873, Kramskoy, dopo aver appreso che il Consiglio dell’Accademia di Belle Arti decise di assegnargli il titolo di professore per il dipinto “Cristo nel deserto”, scrisse una lettera al Consiglio sul rifiuto del titolo, rimanendo fedele all’idea giovane di indipendenza dall’Accademia. Il titolo del professor Kramskoy non è stato assegnato. Kramskoy ricevette diverse offerte per vendere il dipinto.

P. M. Tretyakov è stato il primo a cui l’artista ha chiamato il suo prezzo – 6000 rubli. Tretyakov arrivò immediatamente e lo acquistò senza contrattare.