Consegna delle chiavi all’apostolo Pietro – Pietro Perugino

Consegna delle chiavi allapostolo Pietro   Pietro Perugino

Le caratteristiche dello stile del Perugino sono già del tutto definite in una grande composizione ad affresco: il trasferimento delle chiavi all’apostolo Pietro, che si distingue sullo sfondo di composizioni eseguite simultaneamente da Botticelli e Ghirlandaio, è un’armonia maestosa della sua struttura, ampiezza di luce piena di spazio, generalità, equilibrio calmo, chiarezza del ritmo compositivo, laconicismo e solennità. Sono presenti solo circa due dozzine di testimoni che riempiono il primo piano quando Cristo ha consegnato la chiave simbolica all’apostolo Pietro.

Come negli affreschi di Botticelli e Ghirlandaio, ci sono alcuni ritratti tra loro, non tutti questi personaggi sono molto calmi, le loro posture sono naturali, i loro gesti sono fluidi e senza fretta. Se i contemporanei di Perugino che lavoravano nella Cappella Sistina preferivano gli sfondi paesaggistici con abbondanti dettagli, allora Perugino crea un mondo ideale, ordinato, dominato da armonia, intelligenza e perfezione, incarnato in una chiara prospettiva che si apre al primo piano, disposto con grandi lastre di piazza e che chiude tre prospettive magnifici edifici architettonici – due enormi archi trionfali situati simmetricamente, come se incarnassero la grandezza della storia e occupassero un posto centrale sei rannom cupola, chiesa.

Quest’ultima è una delle incarnazioni più sorprendenti dell’idea del “tempio ideale” centrico, sviluppato dalla teoria architettonica del XV secolo. La consegna delle chiavi è il miglior lavoro del monumentalista Perugino. Sfortunatamente, altre tre composizioni che eseguì nella Cappella Sistina – Natale, Maria’s Education, Alla ricerca di Mosè – due furono abbattute dal muro per far posto al Giudizio Universale di Michelangelo, la terza morì quando la parete frontale del coro crollò improvvisamente.