Conoscenza e misericordia – Pablo Picasso

Conoscenza e misericordia   Pablo Picasso

Nel 1897, Picasso, su consiglio di suo padre, scrisse un’enorme tela – alta 197 centimetri e larga 249,5 centimetri – in modo accademico. Senza dubbio, era per rispetto di suo padre Picasso, che anche senza rendersene conto, l’estate scorsa ha scoperto l’espressionismo, scrivendo uno dei migliori ritratti nella pittura spagnola, il ritratto della devota e pazza zia Pepa, sta diventando molto più conservatore.

“Conoscenza e misericordia” non è altro che un quadro normale con una trama domestica, la cui composizione, senza dubbio, è stata pensata da don José Ruiz Blasco, oltre all’argomento e alla composizione testimoniano l’influenza di un’altra immagine – “Al capezzale della madre malata” di Enrique Paternina.

Aggiungiamo che don Jose ha servito come modello per il dottore nella foto di suo figlio: osserva il polso morente, mentre la suora le porta un bambino piccolo. Palau-i-Fabre ha scoperto che don José ha preso il bambino raffigurato nella foto per poche ore dal vivace mendicante con una piccola spesa, e l’abbigliamento monastico in uno dei monasteri di Barcellona, ​​il cui sacerdote era di Malaga ed era amico di zia Pepa. Ma molto più notevole dell’immagine stessa è il suo destino.

Continua ad ammirare persone lontane dall’arte che si chiedono come una quindicenne possa scrivere una tela così perfetta.

Picasso presentò un’immagine a suo zio Salvador insieme a tutti gli schizzi preliminari, e rimase nella casa dello zio Salvador fino alla sua morte, dopo di che Lola Ruiz Picasso ereditò l’immagine, alla fine la tela e tutti gli schizzi finirono nel Museo Picasso di Barcellona. Dal libro di Carlos Rojas The Magic and Mythical Picasso.