Composizione con rosso, giallo e blu – Peter Cornelis Mondrian

Composizione con rosso, giallo e blu   Peter Cornelis Mondrian

Poligoni colorati, coordinati secondo la routine percepita dal maestro, compongono la sua “Composizione con rosso, giallo e blu”. I poligoni sono separati l’uno dall’altro da linee nere diritte, la “colorazione” stessa ha il carattere di un riempimento nel disegno, respingendo così la personalità di ogni artista nella foto. Ciò è sottolineato dall’assenza del nome della tela in quanto tale. È interessante notare che le sue opere differivano l’una dall’altra solo per la numerazione.

La ricerca della proporzione e dell’equilibrio delle figure geometriche nei colori “primari” trovò presto la sua diretta applicazione pratica nell’architettura e nella vita di tutti i giorni; all’inizio del secolo, l’arte applicata fu coinvolta nella disposizione dei piani di colore. Il neoplasticismo, o pittura rettangolare, le cui basi furono poste e teoricamente comprovate da Mondrian, è diventato molto diffuso. Così, nel 1917, fu creata la rivista De Stiyl, che si sviluppò sotto la guida dello stesso Mondrian e di importanti architetti olandesi che predicarono le idee di una nuova tendenza nell’arte.

La rivista è stata pubblicata per 14 anni, durante i quali il neoplasticismo è diventato un’area indipendente, ampiamente conosciuta e generalmente accettata.

È un dato di fatto, era la rivista che doveva trasmettere all’ampia cerchia di persone interessate a dipingere le idee di Mondrian. In generale, la sua pittura non è tanto una tendenza paradossale nell’arte quanto una visione del mondo intero. La semplificazione e la spersonalizzazione, coltivate da Mondrian, devono, secondo il principio di assoluta armonia, ricostruire questo mondo, conducendolo in modo illusorio dalle contraddizioni.

Lo stesso Mondrian ha affermato che il mondo sensuale condanna l’umanità a sofferenze infinite, in cui ogni persona è bloccata a causa della prevalenza della soggettività e dell’inconsistenza della sua natura sul pensiero puro. Le persone sono condannate a soffrire fino a quando non possono guardare in modo diverso il mondo intorno e dentro di sé, rifiutando la materialità esterna. La civiltà, secondo Mondrian, aiuta una persona a sottrarsi alla “forma naturale”, a vedere il vero, a spostare il guscio materiale nell’organizzazione democratica della società.

La nuova arte è progettata per aiutare le persone a ristrutturare – per imparare a vedere le più alte forme di relazione con il mondo.

Nel 1926, Mondrian formulò 5 istruzioni di base per artisti neoplastici, sulle quali dovrebbero fare affidamento nel loro lavoro. È un dato di fatto, questi sono i cinque comandamenti della religione della Nuova Vita, che fu predicato per tutta la vita da Mondrian. Il rifiuto del sensuale, la sostituzione matematica di tutti i tipi di emotivo e soggettivo, ha dovuto trasformare il mondo imperfetto e salvarlo dalla sofferenza.

Nel 1938, Mondrian arriva a Londra, ma il lavoro biennale fu distrutto durante uno dei bombardamenti fascisti. Dopo essersi trasferito a New York, inizia a sentire il battito di un ritmo di vita completamente diverso. Boogie-Woogie, Broadway, Jungle: tutto ciò si riflette nella geometria astratta del maestro.