Colonne del sale – Natalia Goncharova

Colonne del sale   Natalia Goncharova

L’immagine è caratterizzata da una grande architettura, complessità e complessità della composizione, una varietà di angoli e libertà nella costruzione delle forme.

Usando la tecnica della “storia pittorica”, Goncharova prende la leggenda biblica su Lot come base per la composizione, ma la ripropone con una digressione. Il punto di attrazione per l’interpretazione cubista è il momento in cui la figura umana si trasforma in un cristallo di sale sullo sfondo della città che viene proiettata. Nell’interpretazione di Goncharov, tutti i partecipanti alla scena si sono trasformati in pilastri: Lot, sua moglie e le sue figlie, persino i loro futuri figli.

Molte tecniche pittoriche e plastiche derivano dall’immagine precedente “Dio della fertilità”, vale a dire il trattamento del viso, in particolare il doppio contorno occhi, la linea delle sopracciglia, che si trasforma in naso, testa, incastonatura sulle spalle, braccia e gambe sottili, deformazioni rigide delle proporzioni, 4-dominanza forme di carbone.

Nel disegno pittorico della superficie, è previsto un nuovo elemento, che ha la forma di una “coda di rondine” nell’immagine di Lot. Qui non è stato ancora sufficientemente identificato né dal punto di vista funzionale né pittorico, ma nelle opere successive troverà il suo posto.