Cavalli rossi – Franz Marc

Cavalli rossi   Franz Marc

Franz Marc è un famoso pittore espressionista tedesco, che ha fondato insieme al V. Kandinsky almanacco, e poi l’associazione “Il cavaliere blu”. Il percorso creativo di Franz Mark è molto ambiguo, per una breve vita ha superato tappe molto diverse.

Inizialmente, ha cercato la fonte della massima vicinanza alla natura e, di conseguenza, la massima sensualità e sincerità nelle immagini degli animali. Fu in questo che trovò “… l’afflusso di sangue fresco in natura…”. La ricerca di nuovi modi di espressione porta Mark agli avanguardisti, con i quali partecipa alla creazione della rivista Pan.

La ricerca creativa dell’artista è dovuta al desiderio di penetrare l’essenza delle cose, di vedere il “lato spirituale della natura” oltre i confini della visibilità materiale.

Inizialmente, Mark cerca di fuggire dalla civiltà nel mondo della fauna selvatica, ma gradualmente inizia a soffrire qui con un’abbondanza di carnale. Immagini realistiche di animali stanno diventando sempre più il suo schema. È così che si realizza la transizione della creatività di Mark dal “cesnanismo all’espressionismo”. Alla fine, le immagini degli animali si trasformano in immagini completamente astratte che danno origine al mondo dell’artista.

Uno dei dipinti “di transizione” del marchio è il dipinto “Cavalli rossi”. Una certa composizione schematica non riduce il senso di realtà dell’immagine: tre cavalli pieni di energia interna in ebollizione. Sebbene lo stile di quest’opera rievoca un arabesco ritmico per la sua decorazione, vicino ai fauvisti e agli espressionisti, è ancora una pittura naturale “viva”.

Il colore rosso è un’espressione della più alta sensualità naturale nella sensazione dell’artista. Forza e incontrollabilità della fauna selvatica Trasmette il polso della vita, la sua sincerità in una forma non toccata dall’uomo.

Nelle opere successive, le immagini reali degli animali vengono gradualmente riempite di trasparenza “di vetro”, le linee creano sagome geometriche. Nel lavoro del 1914 “The Fight of Forms” Mark agisce già come un astrattista assoluto.

L’associazione “Blue Horseman” fu creata nel 1911 da Mark e V. Kandinsky ed esisteva fino al 1914. Il nome originale fu coniato dai fondatori: sia Kandinsky che Mark preferivano il colore blu; il primo trovò cavalieri colorati, il secondo per tutta la vita adorò i cavalli. In una certa misura, la necessità di tale associazione esiste da diversi anni, ma solo il rifiuto della mostra ufficiale “Munich Secession” di accettare il lavoro di avanguardisti ha mostrato l’impossibilità per gli artisti della nuova direzione di esistere all’interno del dipinto “generalmente accettato”.

La nuova arte è andata oltre la realtà, ha cominciato ad esistere secondo le sue stesse leggi, create dall’istinto e dalla mano del mondo degli artisti. Lo stesso Mark scrisse che i modernisti descrivevano “cose ​​nascoste sotto copertura di visibilità”. Il mistero dell’essere, l’essenza inconoscibile di tutto, era di interesse per gli artisti di Blue Rider.

Si ritiene che la prima immagine astratta sia stata scritta dall’amico di Mark – V. Kandinsky nel 1910.

Il percorso degli artisti della nuova associazione, che è iniziato dall’espressionismo, gradualmente, sotto l’influenza dei suoi leader, passa a metodi sempre più ribelli e rivoluzionari di auto-espressione e auto-ricerca, a volte sull’orlo della “non-arte”. Le opere realizzate dai partecipanti al “Blue Rider” sono piene di colori vivaci, elementi simbolici e puramente decorativi. Ciò si manifesta chiaramente nella tela della “Torre dei cavalli blu”, purtroppo non conservata e accessibile agli spettatori solo nelle fotografie. Se Kandinsky sviluppò un astrattismo emotivo, “amorfo”, allora Mark alla fine si mosse nella direzione dell’astrazione geometrica.

L’artista Franz Marc è morto tragicamente a Verdun all’età di 36 anni.