Castello di Bentheim – Jacob van Ruisdal

Castello di Bentheim   Jacob van Ruisdal

Intorno al 1650, Reisdal lasciò la sua nativa Haarlem e fece un viaggio verso le terre di confine tedesche. Molto probabilmente, la sua amica, la pittrice paesaggistica Claes Berchem, lo ha accompagnato in questo viaggio.

Più tardi, entrambi gli artisti, usando gli schizzi realizzati durante il viaggio, scrissero scorci con il castello di Bentheim, che all’epoca era quasi al confine con l’Olanda. Apparentemente, il castello fece una forte impressione su Reisdal, poiché in seguito lo dipinse su una dozzina di tele. Forse i castelli di Bentheim erano di più, ma solo dodici vennero da noi.

I critici d’arte concordano sul fatto che questo paesaggio, scritto nel 1653, è una delle migliori opere di Reisdal. Si ritiene che il quadro sia stato dipinto da Reisdal per il proprietario del castello, il conte Bentheim, e per lungo tempo appartenesse alla sua famiglia. La storia con l’ordine del conte non è documentata e può essere classificata come speculazione e congettura, di cui la biografia dell’artista è così ricca.

Berchem e Reisdal rappresentarono il castello di Bentheim in modi completamente diversi.

Berchem ha mostrato il castello da lontano, rendendolo arioso e favoloso. Nella foto di Reysdal, il maestoso edificio è posizionato abbastanza vicino allo spettatore, in modo che tu possa persino vedere alcuni dei suoi dettagli e caratteristiche architettoniche. È curioso che in realtà il castello si trovi su una collina piuttosto dolce, sulle pendici del quale non si accenna alla foresta. Ruysdal si trasformò quasi completamente e, se così posso dire, “poetizzò” il paesaggio circostante.