Capriccio con rovine classiche – Antonio Canaletto

Capriccio con rovine classiche   Antonio Canaletto

A volte, cercando di raggiungere l’armonia artistica, Canaletto ha creato uno spazio strano che ha poco in comune con la realtà. Tuttavia, lo ha fatto abbastanza sottilmente da non trasformare il suo lavoro in finzione. In alcuni casi, l’artista ha solo leggermente spostato gli accenti in una scena ben nota allo spettatore, in altri ha recitato in modo più radicale.

Canaletto non ha trattato la sua nativa Venezia come una realtà permanentemente congelata, ma come un prodotto semilavorato d’arte che consente trasformazioni affascinanti e interpretazioni creative. “Capriccio” era il suo genere preferito. Il famoso collezionista del XVIII secolo Algarotti definisce questo genere come “una scena composta da elementi che vengono raccolti da luoghi diversi”. Se parliamo di tali opere di Canaletto, allora rappresentano paesaggi poetici, che raccolgono casualmente monumenti architettonici di Roma, Padova, Venezia e Inghilterra.

Uno dei dipinti più famosi di Canaletto, eseguito nel genere di “Capriccio”, è considerato “Capriccio con rovine classiche”. Qui l’artista ha combinato in uno spazio limitato le rovine di antichi edifici, che ha disegnato durante il suo breve soggiorno a Roma nel 1719.