Canottieri – Gustave Cybott

Canottieri   Gustave Cybott

Nella seconda metà degli anni Settanta, Kaybott trascorre i mesi estivi fuori città sul fiume. I suoi interessi in quel momento si rivolgono in modo abbastanza naturale agli acquatici, e nel suo lavoro è apparso un nuovo tema: il canottaggio. Dal punto di vista stilistico, le immagini di questo periodo assomigliano alle tele considerate sopra.

L’artista crea una rara tensione nelle opere di altri maestri tra il primo piano e la profondità dell’immagine, che trasmette in modo particolarmente convincente nei Rower. Come scrive Varnedo, “a causa della riuscita ricezione illusionista delle mani del primo vogatore, sembra che tocchino quasi il bordo della tela e si estendano nella nostra direzione, come in un film tridimensionale.

Questo movimento impressionante, diretto in avanti, corrisponde allo stesso movimento espressivo nell’entroterra. In verità, questo movimento è tanto profondo quanto alto, poiché i lati convergenti della barca formano un triangolo equilatero che si separa dalla superficie dell’acqua, e la linea retta che corre lungo il piede sinistro del primo vogatore e dirige il nostro sguardo verso il naso quasi coincide con l’asse verticale composizioni “.

Il sorprendente tangibile effetto di prossimità che Kaibot ottiene in questa immagine è il suo stesso risultato magistrale. Anche la tecnica pittorica del pittore è ammirevole: i riflessi della luce e la naturalezza dell’albero della barca sono molto spettacolari, le mani e le gambe dei rematori sono ridotte secondo i più rigorosi requisiti di prospettiva e la calma eccitazione dell’acqua è trasmessa dalle succose pennellate caratteristiche degli impressionisti.