Cancan – Georges Cera

Cancan   Georges Cera

Nel 1890, alla Mostra di artisti indipendenti, Sulphur presenta numerosi dipinti, tra i quali Kankan occupa un posto speciale. Questo lavoro, come The Eager Woman, è pieno di sottile umorismo. In esso, puoi anche notare gli elementi della caricatura, che erano caratteristici per la progettazione di poster e manifesti di quei tempi.

Kankan diventa immediatamente oggetto di accese discussioni da parte della critica. Alcuni trovano in esso echi della teoria di Charles Henri dell’espressività di linee e colori, secondo cui un’abbondanza di linee, come il colore rosso dominante in un’immagine, significano divertimento e gioia. Certo, è possibile che mentre si lavora su Kankan, Sulphur usi alcuni dei principi fondamentali di Henri.

Tuttavia, è ancora più probabile che rimanga fedele al suo credo creativo – non dipendere da nessuno e fare affidamento solo sulla propria opinione. I suoi dipinti non saranno mai illustrazioni per le teorie di qualcuno, perché, studiando queste teorie, Sulphur sembra passarle attraverso se stesso, e lo spettatore contempla quale sia stato il risultato della mente e del talento dell’artista stesso.

La critica confronta in modo aggressivo il “Cancan” con disegni e manifesti umoristici del cabaret – così sorprendente è l’immagine schematica dei personaggi, molto lontana dal naturalismo. Per catturare il movimento, Sulphur sviluppa un “meccanismo” insolitamente complesso, che combina linee curve e rette su un piano, dove, grazie a una composizione impeccabile per ogni elemento, anche il più insignificante, viene determinato il suo posto. Tuttavia, lo zolfo cerca non solo di trasmettere il movimento.

Vuole – e anche questa è un’innovazione – esprimere l’atmosfera di divertimento, ma il divertimento è fatto, come dovrebbe essere per un tale motivo.

Sensazioni di tale divertimento, così estranee alla sua natura, l’artista raggiunge attraverso la scelta di linee e colori. Ma a ciò si aggiunge una certa quantità di umorismo. La stilizzazione alla quale l’artista si impegna e che gli consente di creare inconfondibilmente effetti decorativi, migliora anche la caricatura del dipinto. Crea un’immagine ironicamente dipinta dello spettatore con il profilo di un maiale grasso in primo piano; sottolinea il volto zuccherino della prima ballerina e la posa da dandy della ballerina, che si piega alle sue spalle; rafforza l’assurdità degli archi delle donne o si lancia nella corsa impetuosa di ballare il cappotto di coda…

Secondo Signac, Sulphur con la sua foto voleva mostrare “il declino della moralità e la volgarizzazione dell’era” in cui devono vivere.