Campo di grano di Raven – Vincent Van Gogh

Campo di grano di Raven   Vincent Van Gogh

Il dipinto “Corvi in ​​un campo di grano” è stato dipinto da Vincent Van Gogh nel 1890, un paio di settimane prima che tentasse di spararsi, e di conseguenza morì per una grave perdita di sangue. Questa tela è stata l’ultima opera dell’artista, anche se gli scienziati ritengono che non sia così.

L’artista ha avuto una vita difficile, ha vissuto in povertà, spesso commosso, non ha riconosciuto il suo talento, a causa di ciò di cui dubitava, si criticava e non poteva sopportare se stesso, questo ha portato allo sviluppo della sua malattia mentale, da cui non poteva essere curato. Apparentemente, questa era tutta la ragione della sua decisione di suicidarsi.

Questa immagine mostra l’ansia che tormentava l’artista in quel momento. Fu sempre supportato da suo fratello, ma anche questo non aiutò a salvare Vincent.

In questa immagine, Van Gogh si concentra su tre percorsi che vanno in direzioni diverse. Il cielo è rappresentato come nuvoloso e cupo, cattura sensazioni allarmanti per lo spettatore. L’artista ha incarnato qui tutte le sue preoccupazioni e ansie.

Era molto solo, a quel tempo viveva in un insediamento per malati di mente, era isolato dalla società. L’immagine è difficile distinguere il centro. Cielo scuro e campo luminoso e brillante fortemente contrastato.

Sopra il campo, il cerchio dei corvi, che simboleggia l’indecisione del pittore.

La linea dell’orizzonte divide l’immagine in più parti. Qui sta il complesso flusso di pensieri dell’artista. Conduci solo a lui che sa dove conduce ogni percorso nella foto, forse sta pensando a cosa fare, quale percorso scegliere. L’immagine è scritta da tratti molto ruvidi e spessi.

Se li guardi da vicino, penseresti che l’artista non fosse affatto dell’umore, motivo per cui ha fatto tocchi così malvagi.

Dopo se stesso, Vincent Van Gogh ha lasciato un grande patrimonio artistico, i suoi dipinti si sono diffusi in tutto il mondo e hanno prezzi trascendentali.