Camminando ad Albano – Karl Bryullov

Camminando ad Albano   Karl Bryullov

Coloro che conoscevano Bryullov affermarono che “non si sentiva tanto a suo agio in nessuna città del mondo come a Roma”. “A Roma, ti vergogni di produrre qualcosa di ordinario”, ha detto un giovane artista che era appena arrivato in Italia, in una lettera. Ha scritto instancabilmente in Italia: tutte le sue scene di genere italiane sono piene di un’atmosfera festosa.

La vacanza spesso penetra nel nome stesso dell’opera – come l’acquerello “Walking in Albano”. Ma anche nelle scene di tutti i giorni questo umore non scompare, mostra in essi la spavalderia del colore, l’eterno sole italiano che spruzza dalle finestre, la serenità e la stabilità della vita – ad esempio, presentiamo il lavoro “L’italiano aspetta un bambino, guarda la camicia, il marito fa mobili”, 1831 . Roma per Bryullov è una grande arte, una natura deliziosa, un respiro vivente della storia; “Roma” per lui è “Pace”.