Bypass Chumakov – Ivan Aivazovsky

Bypass Chumakov   Ivan Aivazovsky

Nelle opere di IK Aivazovsky ci sono molte opere su vari argomenti. Soprattutto sono stato colpito dalle immagini della natura dell’Ucraina. Mi è piaciuta soprattutto l’opera “Carrozza di Chuzak”, che Aivazovsky scrisse nel 1862.

La tela raffigura steppe, campi infiniti e una strada che porta oltre l’orizzonte. I grandi carri con fieno raffigurati nella foto mi hanno ricordato l’estate che si avvicina. Volevo subito sentire l’odore del fieno fresco, immergermi nell’atmosfera del villaggio. I Chumak sono commercianti ucraini che guidano il fieno su una carrozza lungo una strada di campagna. Uno dei carri raffigura una ragazza vestita con un costume nazionale, sta guardando il tramonto, forse cantando una canzone.

Tutti vedono qualcosa in questa immagine. Mi sembra che sia stanca di guardare il tramonto e sognare il domani, o forse vuole tuffarsi nel mare. I colori con cui viene dipinta la grafica creano un’atmosfera calma.

Nella sua foto, Aivazovsky è riuscito a trasmettere l’atmosfera di una calda serata estiva. Il sole, che non è ancora riuscito a nascondersi dietro l’orizzonte, i mulini a vento si adattano perfettamente al paesaggio. Se fosse possibile aggiungere qualcosa, finirei il cane che corre lungo il vagone o i bambini che corrono lungo la strada di campagna.

Quando ho guardato l’immagine “Chumak’s Pusher”, sembrava prendere vita. I mulini a vento non giravano, perché non c’era vento, i chumak camminavano lentamente con i loro carri e ho persino presentato il suono del mare per alcuni secondi. Volevo davvero diventare l’eroe di questo lavoro, guidare, per esempio, un carro, o essere uno di quei bambini che correvano lungo la strada che avrei disegnato.

La foto di Aivazovsky mi ha fatto un’impressione indelebile, mi ha fatto sognare e sognare. Sono diventato contemporaneamente sia un artista che un partecipante a questo lavoro.