Brig. “Mercurio” dopo la vittoria su due tribunali turchi – Ivan Aivazovsky

Brig. Mercurio dopo la vittoria su due tribunali turchi   Ivan Aivazovsky

Durante la guerra russo-turca del 1828-29. le navi di distacco della flotta del Mar Nero, costituite da una fregata e due briganti, si trovavano nell’area del Bosforo. Il 26 maggio 1829, le navi russe si scontrarono con uno squadrone turco, che comprendeva 6 navi da guerra e 2 fregate. La fregata ad alta velocità “Standart” e il brigantino “Orpheus” riuscirono a staccarsi dall’inseguimento.

Tuttavia, il brigantino Mercurio, armato di diciotto cannoni, non riuscì a fuggire dalla corazzata Selimiye e Real Bay che lo aveva superato.

Ineguale battaglia “Mercurio” è durata circa quattro ore. Il coraggioso brigante ha ricevuto più di trecento feriti, ma è rimasto a galla e senza problemi si è unito allo squadrone, muovendosi in suo aiuto. Le perdite “Mercurio” erano relativamente piccole: furono uccisi 4 membri dell’equipaggio eroico, 8 marinai feriti e il comandante del brigantino fu ferito.

Il nemico ha subito perdite molto maggiori. Il danno causato dalla brigata russa a due corazzate turche era sproporzionato rispetto al danno arrecato alla brigata da un avversario superiore. Per la più grande abilità militare mostrata dall’equipaggio, il brigantino “Mercurio” è stato molto onorato con un grande premio – “Mercurio” ha ricevuto una bandiera severa di San Giorgio e un gagliardetto.

Il decreto più alto prescritto d’ora in poi di avere nella flotta russa una nave chiamata “Mercurio”.