Brig. “Mercurio”, attaccato da due tribunali turchi: Ivan Aivazovsky

Brig. Mercurio, attaccato da due tribunali turchi: Ivan Aivazovsky

Questa immagine è dedicata alla gloriosa storia del coraggioso Mar Nero – il brigantino “Mercurio” dopo la vittoria sui tribunali turchi incontra lo squadrone russo. Il 14 maggio 1829, il brigantino russo “Mercury” di 18 cannoni all’alba nei pressi del Bosforo intraprese una battaglia ineguale con due navi turche. Uno di questi era una corazzata da 110 cannoni, l’altro era una nave da 74 cannoni.

Il comandante del brigantino, il tenente comandante Kazarsky, insieme ai suoi ufficiali e marinai, decise di morire, ma non di arrendersi.

Entrambe le navi turche si stabilirono su entrambi i lati del “Mercurio” e gli offrirono di arrendersi, ma in risposta al “Mercurio” aprirono il fuoco da tutte le armi e fucili. Il mercurio fu completamente rotto, le vele furono strappate, scoppiò un incendio, l’acqua cominciò a penetrare nei buchi, ma i marinai russi continuarono a combattere coraggiosamente. Con colpi di successo, hanno inflitto un danno così significativo a entrambe le potenti navi turche che sono stati costretti a fermare l’inseguimento e andare alla deriva.

Dopo la battaglia, “Mercurio” si unì con successo allo squadrone russo. Il dipinto di Aivazovsky raffigura una notte argentata illuminata dalla luna.

La natura è in uno stato di completo riposo; non ci sono onde, solo un leggero rigonfiamento è appena percettibile sul mare, e sopra di esso nel pacifico cielo notturno galleggiano veloci nuvole luminose. In mare aperto “Mercurio”. Ritorna nel suo nativo Sebastopoli dopo una gloriosa vittoria sul nemico.

In lontananza puoi vedere le navi russe che incontrano l’eroico brigantino.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)