Boyarynya Morozova – Vasily Surikov

Boyarynya Morozova   Vasily Surikov

Tra i dipinti di Vasily Ivanovich Surikov “Boyary Morozov” occupa senza dubbio un posto di primo piano. Per la prima volta l’autore mostrò un’immagine nel 1887 in una mostra a San Pietroburgo. A quel tempo, Surikov aveva già successo e fama, e le sue tele storiche Morning the Strelets Execution e Menshikov a Berezovo hanno avuto un’ampia risposta e sono state esposte nella Galleria Tretyakov.

L’artista si è rivolto alla storia della Russia trecento anni fa, all’inizio del dominio della dinastia Romanov. Sotto la pressione del patriarca Nikon, lo zar Alexei Mikhailovich fu costretto a riformare la chiesa, il che introdusse alcuni cambiamenti nei riti di culto. Le innovazioni hanno causato una tempesta di malcontento tra la gente e si sono intensificate in uno scontro che ha causato una scissione.

Coloro che non obbedivano ai nuovi statuti della chiesa venivano chiamati scismatici e perseguitati crudelmente: venivano mandati in esilio, messi in buche di terra e cantine con topi. Tra loro c’erano rappresentanti di tutte le classi – da contadini e artigiani a principi e boiardi. Fu lo scismatico che rifiutò ostinatamente di accettare il nuovo ordine, fu la boyarina Morozova, un uomo di forza spirituale insolitamente grande.

L’immagine mostra gli eventi del novembre 1671. Il boia arrestato Morozov viene portato in esilio, viene incatenata e una massa di persone esce per scortare uno dei capi della scissione: mercanti, artigiani, arcieri, monaci, mendicanti e santi sciocchi che hanno trovato il patrocinio nella casa di Morozova. L’azione si svolge nel monastero Chudov, l’ininterrotto Morozov, salutando tutti, alzando la mano destra con il vecchio credente a due piedi.

Autosacrificio per motivi di convinzione nei difficili giorni della Russia: ecco di cosa tratta questa immagine.