Biblis – Adolph Bouguero

Biblis   Adolph Bouguero

Gli intenditori e gli amanti dell’antica mitologia greca, sono ben consapevoli del mito di un bellissimo giovane di nome Narciso, che spesso ammirava il proprio riflesso nell’acqua. La dea della bellezza Afrodite, arrabbiata con questo narcisismo, lo trasformò in un bellissimo fiore.

Secoli dopo, il narcisismo divenne oggetto di attenzione e studio degli psicologi. Principalmente creativi, artisti, musicisti e poeti sono soggetti a questo vizio. Non devono guardarsi allo specchio: hanno un’opinione molto alta di se stessi e mettono tutti intorno a loro estremamente bassi.

Il poco noto pittore francese Adolphe Bouguero nel film Biblis ha presentato la sua versione del narcisismo – questa volta in apparenza femminile. Che la donna sia completamente nuda non è sorprendente: i greci hanno percepito la nudità naturalmente ed erano completamente privi di un senso di vergogna. La pelle bianca conferisce una natura sottile e aristocratica.

Con un’espressione languidamente malinconica sul viso, la ragazza si appoggiò leggermente a una pietra in un ruscello che scorre all’ombra degli alberi e ammirò il proprio riflesso nelle acque gorgoglianti. E nessuno conosce il proprietario di questa straordinaria bellezza che il tempo, come l’acqua, porta via sia la giovinezza che la bellezza. Tuttavia, chissà, forse è a causa della consapevolezza di questa circostanza che è triste…