Battaglia di Tetouan – Salvador Dali

Battaglia di Tetouan   Salvador Dali

La pittura di Salvador Dalì La battaglia di Tétouan è un’ironica allusione al dipinto omonimo dell’artista Mariano Fortuny. La trama di entrambi i dipinti risale a un evento storico accaduto nel 1860: la conquista della città marocchina di Tetouan da parte degli spagnoli.

Work Dali non è troppo simile alla fonte. Differisce sia nelle proporzioni della tela, sia nella presenza di primi piani che non si trovano sulla tela di Fortuny. E, naturalmente, il quadro è pieno di così tanto amato dall’artista attraverso motivi e autotstat.

Oltre le colline, sulla linea dell’orizzonte, si erge una figura colossale di Gala. Una donna con un lieve sorriso osserva l’azione che si sta svolgendo di fronte a lei e come se benedisse i partecipanti alla battaglia. Da dietro di lei, direttamente dal cielo, la cavalleria di lava si riversa sul campo di battaglia.

Al centro della composizione, l’artista posizionò una gamba avvizzita con l’osso della gamba, simile alle sue proporzioni un piede di cavalletta piuttosto che un arto umano. Non lontano dal suo piede, un albero secco corre sui suoi rami. La gamba va quasi all’infinito, finendo sul bordo sinistro della tela con una mano di proporzioni altrettanto strane che stringono la lama.

L’immagine è un miscuglio di figure equestri che stringono un’arma e si precipitano in avanti. Nelle due figure in primo piano, puoi riconoscere Dali e Gala.

Usando il suo metodo paranoico-critico preferito, l’artista ha inserito i contorni delle figure nei contorni delle figure. Sono sparsi su tutta la tela, comparendo nelle braccia piegate dei guerrieri, stringendo le loro armi, negli elementi del paesaggio, nell’ombra. Un attento spettatore può trovare sulla tela numerosi sette e unità. Sul primo e sul secondo piano ornano deuce, cinque, otto.

L’abbigliamento di gala è decorato con la “X”. Durante questo periodo del suo lavoro, Dalì amava la numerologia e la magia dei numeri. Ci sono studi dettagliati che interpretano ogni figura nella figura, inserendo in essi diversi livelli di significato.

Pertanto, i sette Dali stessi si correlarono con il “numero di Velasquez”, nonché con l’età del suo defunto fratello durante l’infanzia. Deuce indica un doppio.